A- A+
Milano
Nuovo bando case popolari, i sindacati: "Graduatorie cancellate per 25mila"
Case popolari Milano

Nuovo bando case popolari, i sindacati: "Graduatorie cancellate per 25mila"

Apre il nuovo bando per le case popolari a Milano, i sindacati degli inquilini denunciano: "Con il nuovo regolamento cancellata la graduatoria per 25mila famiglia e oltre 2mila in grave emergenze abitativa rischiano di non avere soluzioni".

Recita il comunicato: "Dal 16 settembre a al 2 dicembre i cittadini di Milano potranno presentare domanda per la casa popolare. Si applica per la prima volta a Milano la Legge Regionale n. 16/2016 che, come più volte denunciato dai Sindacati Inquilini discrimina e penalizza soprattutto le famiglie più povere e più svantaggiate cercando in questo modo di nascondere e rendere invisibile il drammatico problema degli sfratti e dell’emergenza abitativa. La modalità stessa di presentazione della domanda, possibile solo tramite l’accesso informatico con identità digitale, renderà impraticabile l’inserimento della propria richiesta per molti cittadini: in particolare anziani, stranieri, persone svantaggiate".

"A ciò - prosegue la nota - occorre aggiungere il particolare accanimento nei con fronti delle famiglie cosiddette indigenti, che non potranno superare la quota massima del 20% delle assegnazioni e, che per poter presentare la domanda dovranno ottenere dai servizi Sociali un codice di presa in carico. Il Comune di Milano sembra non rendersi conto della complessità e delle implicazioni del nuovo modello imposto da Regione Lombardia e nonostante le ripetute sollecitazioni delle Organizzazioni degli Inquilini  non ha ritenuto di avviare un confronto preventivo e di trovare soluzioni che consentissero almeno di mitigare gli effetti della nuova normativa e ora si appresta a gestire una pessima legge nel peggiore dei modi. Siamo riusciti comunque dopo molte pressioni, ad ottenere un incontro solo il giorno 19 di settembre".

"Il Comune non ha informato le 25.000 famiglie attualmente ancora  in graduatoria che la loro domanda sarà cancellata al termine del bando. Nessun percorso formale è stato predisposto per consentire ai nuclei familiari indigenti con ISEE inferiore a € 3.000 di presentare domanda: ad oggi gli sportelli dei Servizi Sociali non sanno dare nessuna informazione a questi cittadini. Nonostante il sistema nuovo e molto complicato, il piano di assistenza ai cittadini predisposto dall’ A.C. appare largamente insufficiente ( pochi sportelli, per poche ore e solo con preventivo appuntamento telefonico ) e non è stata richiesta nessuna collaborazione  ai Sindacati Inquilini che negli anni passati hanno garantito la partecipazione al bando a migliaia di persone.I Sindacati Inquilini infine denunciano che oltre 2.000 famiglie sfrattate o senza casa che sono in attesa da tempo  di una risposta per l’assegnazione in emergenza di una casa popolare  rischiano di vederla cancellata e di trovarsi senza nessuna soluzione. In assenza di risposte efficaci e tempestive da parte del Comune di Milano i Sindacati Inquilini sono pronti a organizzare nelle prossime settimane iniziative di mobilitazione".

Commenti
    Tags:
    bando case popolarimilano case popolarisunia










    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Marini debutta a Farsetti e presenta l'opera simbolo della Biennale
    Milo Goj
    Il crepuscolo della ragione. Davvero lo è? Ne parlo con il sociologo Giovanni Cozzolino
    Di Antonella Gramigna
    1-2 ottobre appuntamento con l’AIM Investor Day di IR Top Consulting
    Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.