A- A+
Milano
Omicidi in corsia: Riesame, nessun ripensamento, Cazzaninga in carcere
Leonardo Cazzaniga e Laura Taroni, foto da facebook

Omicidi in corsia: Riesame, nessun ripensamento, Cazzaninga in carcere

"Nessuna forma, nemmeno embrionale di ripensamento, ma anzi la rivendicazione della bonta' delle proprie scelte" in quello che appare come "un delirio di onnipotenza". Il Tribunale del Riesame di Milano motiva cosi' il provvedimento con cui il 7 ottobre ha disposto "il ripristino della misura cautelare in carcere" per Leonardo Cazzaniga, l'ex aiuto primario del pronto soccorso del presidio ospedaliero di Saronno, processato dalla Corte d'assise di Busto Arsizio per 12 omicidi in corsia e per quelli di tre familiari dell'ex amante, Laura Taroni. I giudici milanesi hanno accolto l'appello del procuratore di Busto, Gian Luigi Fontana, contro l'ordinanza con cui, il 9 settembre, l'Assise aveva concesso al medico gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nell'abitazione dei genitori, a Cusano Milanino. "Ritenere che la sospensione dall'ordine dei medici o l'interruzione del rapporto con la Taroni - argomentano - abbia una qualche incidenza concreta su una tale personalita' e sugli immanenti rischi di reiterazione pare davvero incongruente; un soggetto accusato di avere deliberatamente praticato forme di eutanasia non richieste a un numero cospicuo di anziani, di avere eliminato farmacologicamente persone che ostacolavano i suoi disegni, di avere sistematicamente minacciato i soggetti che venivano via via individuati come coloro che avevano portato alla luce i fatti, manipolato persone per realizzare i propri disegni, espresso sistematicamente intenzioni omicidiarie come soluzioni a 'fastidi', somministrato farmaci a piu' soggetti contro la loro volonta' per comodita' e' persona che esprime una pericolosita' di tale immanenza che per essere attenuata sarebbe stato necessario dar conto di elementi di pari immanenza, serieta' e completezza". Per i giudici, inoltre, "la capacita' di strumentalizzare la propria competenza farmacologica per provocare la morte di chi, a suo avviso, non meritava di vivere non solo all'interno del pronto soccorso, ma anche all'esterno, prescinde dal rapporto di servizio e rende oltremodo concreto e attuale il pericolo di recidiva, arginabile solo con la misura piu' rigorosa".

Loading...
Commenti
    Tags:
    sciopero 25 ottobresciopero 25 ottobre milano

    Regione Lombardia Video News









    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Scuola, "Mia figlia si è fatta male, posso chiedere i danni all'istituto?"
    di Dott. Francesca Albi *
    Migranti, "porti aperti" dicono i nuovi schiavisti supportati dalla sinistra
    Di Diego Fusaro
    La comunicazione politica influenzata dal populismo degli elettori
    Daniele Salvaggio, Imprese di Talento


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.