A- A+
Milano
Ortomercato, quattro giorni di sciopero contro Sogemi

Come anticipato da Affaritaliani.it, l'assemblea degli operatori dell'Ortomercato di Milano riunitasi nella mattinata di martedì 28 aprile ha deciso di proclamare quattro giorni di sciopero, a partire da sabato 9 maggio. Una nota chiarisce i motivi di questa decisione, presa "per protestare contro l’ormai inaccettabile degrado in cui si trova l’Ortomercato di Milano. Ogni giorno aumenta l’abusivismo e la sporcizia nelle parti comuni della strutture e diminuiscono i controlli di legalità. La situazione è così imbarazzante, soprattutto per la città di Expo 2015, che gli operatori preferiscono non partecipare agli incontri con le delegazioni straniere in visita all’Ortomercato". Così ha dichiarato Fausto Vasta, presidente Ago, Associazione Grossisti Ortofrutticoli.

“Desideriamo richiamare l’attenzione della città e delle istituzioni anche sul progetto del nuovo Mercato Ortofrutticolo, ancora tenuto segreto da So.Ge.M.I., inutile e lontano dalle necessità degli operatori, che a pochi giorni dall’apertura di Expo 2015, non porta sviluppo e che, anzi, ha pesanti ripercussioni sul sistema agroalimentare regionale e nazionale, con danni all’export di un’eccellenza italiana. Il progetto vincitore del 'Concorso internazionale di idee' nasce già vecchio, non soddisfa le esigenze minime degli operatori ed è inutilmente costoso"

L’Associazione Grossisti Ortofrutticoli, unitamente a Confcommercio e alle Associazioni di Categoria dei Mercati Generali, dichiarano di non voler consentire a So.Ge.M.I. di portare avanti il progetto di ristrutturazione dei Mercati Generali, perché "così si dovrebbe derogare la legge regionale 06/2010, che regola il funzionamento quotidiano della struttura. Il risultato sarebbe una realtà senza regole certe, un vero far west. Non possiamo prestarci a soluzioni che invece di favorire lo sviluppo e restituire il ruolo di leadership europeo del Mercato agroalimentare di Milano, portano alla moria delle aziende con le conseguenti ripercussioni sul piano occupazionale".

“L’Ortomercato oggi - prosegue Vasta- non ha bisogno di progetti faraonici ma di un efficace restauro della struttura attuale e di una moderna piattaforma logistica. A breve presenteremo il nostro progetto, in grado di soddisfare in tempi brevi le esigenze degli operatori. Ci auguriamo che So.Ge.M.I. sappia valutare costruttivamente il nostro contributo, che, come l’apertura sperimentale quotidiana ai privati, mira a fornire un migliore servizio ai clienti e alla città. Come si vede l’attuale gestione di So.Ge.M.I. è ormai inutile e dannosa. So.Ge.M.I. dovrebbe ricordarsi che è l'ente gestore dei mercati generali e che il suo compito principale è l’istituzione, l’impianto e l’esercizio dei mercati all'ingrosso dei prodotti ortofrutticoli! So.Ge.M.I. – ha concluso il presidente di Ago – organizzi pure tutte le attività 'collaterali' che vuole, ma prima di tutto faccia funzionare i Mercati generali”

Tags:
ortomercatofausto vastasogemiexpo 2015







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.