A- A+
Milano
Paderno Dugnano: bimbo di 3 anni investito, il conducente non aveva la patente
Elisoccorso

Paderno Dugnano: bimbo di 3 anni investito, il conducente non aveva la patente

Incidente a Paderno Dugnano (Milano) con investimento di un bimbo di tre anni che ha riportato gravi conseguenze. Un auto è uscita di strada travolgendo il piccolo che è stato portato d'urgenza con l'elisoccorso all'ospedale Giovanni XXIII di Bergamo.

Il bambino è arrivato in ospedale con l'elisoccorso e il personale medico è riuscito a rianimarlo ma il piccolo non ce l'ha fatta. A causare l'incidente, un 72enne italiano che ha perso il controllo della sua Citroën, con cui era entrato nel Parco Lago Nord in un'area vietata al traffico. L'auto - riporta l'ANSA - dopo essere sfuggita di mano al guidatore, ha abbattuto una recinzione ed è precipitata ai bordi di un laghetto artificiale, travolgendo una famiglia che stava scattando delle foto ricordo. Illesi padre e madre, mentre il bimbo è stato travolto. L'uomo, secondo quanto ricostruito dai Carabinieri coordinati dalla Procura di Monza, non ha mai conseguito la patente di guida. 

Il Procuratore della Repubblica di Monza Claudio Gittardi ha confermato che il 72enne guidava un'auto posta sotto sequestro e con la patente revocata. L'anziano dunque aveva conseguito la patente - contrariamente a quanto era emerso in precedenza - ma gli era poi stata tolta. L'uomo, italiano e con precedenti penali, e' intubato e in gravi condizioni all'ospedale di Niguarda (Milano). Il piccolo e' tutt'ora ricoverato in condizioni critiche all'ospedale di Bergamo. Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti anche quella del malore, mentre e' invece esclusa la guida in stato di alterazione da alcol o sostanze. Al momento - chiarisce l'ANSA - il 72 enne resta indagato per lesioni stradali gravissime e guida senza patente.

Commenti
    Tags:
    paderno dugnanoincidente paderno dugnano







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Il “vecchio” Biden indica i nemici Cina e Russia
    Di Ernesto Vergani
    Faccia a faccia Salvini-Draghi: "Cosa ho chiesto al premier"
    Covid, lo smart working è il paradiso soltanto per i gruppi dominanti
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.