A- A+
Milano
Pagano (Cgil): "La transizione ambientale non è una passeggiata"
Alessandro Pagano

Pagano (Cgil): "La transizione ambientale non è una passeggiata"

(IMPRESE-LAVORO.COM) La Cgil non ci sta a fare la bella statuina nella gestione del Recovery fund. “La cosa peggiore è pensare alle risorse del PNRR buttandola in propaganda, l’opportunità è decisiva e va colta a pieno. Noi – spiega Alessandro Pagano, segretario lombardo della Cgil - abbiamo l’obiettivo di dare un contributo nella realizzazione del Piano, con le relative ricadute sul territorio ma per il momento, sembra interessare a pochi”.

Lunedì il sindacato di Maurizio Landini (che sarà presente) ha convocato all’Umanitaria un incontro per affrontare il tema: (ri)programmare il paese col PNRR, trasporti e infrastrutture. Ci saranno, con Alessandro Pagano, il sottosegretario Bruno Tabacci; Stefano Malorgio, segretario generale Filt Cgil; Luca Stanzione, segretario lombardo della Filt e poi Valeria Fedeli del Politecnico; Vincenzo Geco della CdL; Paola Bonini e Angelo Piccirillo Filt Lombardia. “Noi ci siamo posti un interrogativo – spiega Pagano - gli obiettivi sociali che nel Piano europeo vincolano le istituzioni locali, come si realizzano e chi li garantisce? Noi ci siamo, anche come rappresentanza sociale. E questa è una garanzia”.

Altro interrogativo: “Queste risorse sono a disposizione per consentire maggiori profitti alle imprese, oppure per costruire interventi orientati a migliorare la coesione sociale? Noi abbiamo un ruolo, lo rivendichiamo e pensiamo di guadagnarcelo”. Il problema di fondo è sempre lo stesso: una governance “che includa le organizzazioni sindacali ma per ora non c’è risposta”. “Lunedì discuteremo al convegno – con un occhio alla Regione e l’atro alla città metropolitana - delle politiche d’investimento su mobilità e in che modo il sindacato dovrà verificare la qualità di questi progetti anche in relazione alla qualità della vita delle persone e delle condizioni dei lavoratori”.

Nei giorni scorsi la Filt Cgil ha lanciato la proposta di una nuova legge che disciplini un settore emergente: la logistica. “La discussione è orientata a dare continuità alle valutazioni che la categoria sta dando da tempo sul sistema mobilità. Con un’attenzione particolare rivolta ai sistemi innovativi, che presentano opportunità e rischi. Il tema del rinnovamento tecnologico e del suo impatto sui lavoratori è essenziale e quindi anche la necessità di accelerare la formazione di chi lavora. Il rischio è l’obsolescenza professionale e allora occorre far presto”, spiega il segretario regionale della Cgil. E in effetti a partire dalla vertenza sull’algoritmo dei rider (che ora hanno raggiunto qualche obiettivo), per arrivare al tema spinoso dei sub appalti proprio nella logistica, la Filt ha guidato le rivendicazioni dell’intero settore.

“Ci aspettiamo che possano proseguire i piani già impostati, ad esempio quello di Rfi, molto impegnativo. Ma anche il sistema dei nuovi bus elettrici, riconvertiti a energia pulita, che rappresenta un obiettivo importante per migliorare la qualità dell’aria, con un occhio di riguardo alle competenze dei lavoratori”, spiega Pagano, che concludendo accende un faro sul tema che gli sta a cuore: “La transizione non è una passeggiata, impatterà forte sul lavoro. E allora bisognerà parlarne, senza dimenticare che è giusto salvaguardare l’ambiente ma anche le persone che lavorano. E’ per questo che occorrono piani di sviluppo in grado di affrontare la complessità dei problemi”

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cgiltransizione ambientale






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
    Angelo Andriulo
    Porto di Trieste, sgombero con gli idranti: il "potere" che spegne la rivolta
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Meglio praticare sport o fare una dieta?
    Anna Capuano


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.