A- A+
Milano
Pagano (Cgil): "Regione, piano condiviso per l’economia e stop licenziamenti"
Alessandro Pagano

Pagano (Cgil): "Regione,  piano condiviso per l’economia e proroga a blocco licenziamenti"

Milano - Alessandro Pagano neo segretario generale della Cgil Lombardia, che sostituisce Elena Lattuada, ha messo le carte in tavola, durante il suo primo incontro stampa. E il messaggio più forte l'ha rivolto proprio a Regione Lombardia. Pagano (55 anni, una vita nella Fiom), dopo aver rassicurato sulla tenuta della linea unitaria (con Cisl e Uil) in continuità col passato, ha messo in fila gli impegni e le priorità da discutere con la giunta Fontana. “Occorre mettere mano ad un sistema che si è dimostrato inadeguato e non solo a causa dell’emergenza sanitaria. Direi che la mancata territorialità si è dimostrata un fattore di rischio aggiuntivo”, ha spiegato il segretario della Cgil, facendo riferimento alla riforma sanitaria oggi in fase di revisione. “C’è la necessità di rivedere il sistema sanità oggi troppo concentrato sulle strutture ospedaliere. E poi occorre allargarlo ad un ambito socio-sanitario per rispondere anche alle crescenti diseguaglianze”.

Tra le tante urgenze, a proposito di Covid, la Cgil ha sollecitato un incontro urgente sul piano vaccinale nei luoghi di lavoro, soprattutto dopo la firma del protocollo nazionale. Anche perché l’intesa tra Regione e Confindustria aera sembrata ai più un tentativo di ignorare i protocolli nazionali (priorità per età). Pagano ha ricordato che “In Lombardia ci sono numerose aziende con capannoni nuovi agibili che hanno messo a disposizione di tutti i loro spazi per vaccinare. Non condividiamo la logica del “mi vaccino i miei dipendenti”. Il nuovo leader della Cgil lombarda si è poi soffermato sul futuro dell’economia post Covid: “Anche noi, come le altre forze sociali, sediamo al Tavolo del patto per lo sviluppo della Regione, che dovrebbe riunirsi nei prossimi giorni. Fino ad oggi ho notato una certa carenza nell’approccio strategico della Regione. C’è attenzione ma deve maturare una strategia di lungo periodo. La nostra proposta è che il Tavolo elabori un progetto regionale (con le associazioni datoriali e i sindacati) per dare una spinta al governo, non strumentale, affinchè il sistema economico lombardo possa ripartire. Servono idee chiare e condivise”. Naturalmente i riflettori sono puntati sulle risorse europee del Recovery e sul piano per utilizzarle. Dentro al progetto la Cgil vede la riforma della Pubblica Amministrazione, quella del sistema socio-sanitario e del welfare.

“Ci auguriamo che il piano nazionale venga reso pubblico al più presto e che tenga conto delle proposte del sindacato”, spiega Pagano. Sul tema più spinoso – il blocco dei licenziamenti – la posizione della Cgil è una: “Il blocco va prorogato, non abbiamo la minima certezza sui tempi dell’uscita dalla crisi. Non possiamo accettare che sparisca la tutela dei lavoratori. E poi serve la riforma degli ammortizzatori sociali dalla quale passa anche la riqualificazione, la formazione dei lavoratori, la ripresa dell’economia. Con buona pace di quelli che dico che senza licenziare i lavoratori l’economia non riparte”.

Commenti
    Tags:
    alessandro paganocgil
    Loading...









    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Saviano in Rai a difendere il ddl Zan che reprime le opinioni non allineate
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    I 5 falsi miti (+1) sullo studio
    Massimo De Donno
    L’evasione è reato ma pagare in contanti è libera scelta


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.