A- A+
Milano
Partito Lgbt? I Sentinelli “Politica e diritti fuori da orientamento sessuale”
Luca Paladini (foto: Andrea Cherchi via facebook)

Partito Lgbt? I Sentinelli “Politica e diritti fuori da orientamento sessuale”

“È un passo indietro sulla questione dei diritti", un “partito settoriale” così “ poco attento all'intersezionalità”. Non usa mezze parole Luca Paladini, fondatore e portavoce dei Sentinelli di Milano, per commentare la nascita del "Partito gay per i diritti Lgbt+" in corsa alle Comunali milanesi del 2021 il cui referente è l'avvocato 46enne, Mauro Festa, che si è concesso in un'intervista al Corriere della Sera per spiegare i motivi della genesi della nuova formazione politica identificata con l'orientamento sessuale. Per il portavoce dei Sentinelli, movimento da anni impegnato nelle battaglie su diritti e discriminazioni, la nascita della lista elettorale Lgbt+ che potrebbe avere un proprio candidato sindaco in corsa per Palazzo Marino il 10 e 11 ottobre è tutt'altro che una buona notizia. “Non mi faccio ovviamente bastare che una persona abbia il mio stesso orientamento sessuale per votarlo. Un partito mi deve dire cosa ne pensa del diritto alla salute, della sanità pubblica o privata, di immigrazione, del diritto alla casa, dei diritti umani in generale” dichiara il leader dei Sentinelli ad Affaritaliani.it Milano. “Ho letto che si definiscono liberali” dice Paladini. “Che cosa sono allora: la riproposizione di Forza Italia in salsa Lgbt?” si domanda polemicamente.

 

E lancia una stoccata: il partito gay? “In realtà è fuori dai partiti” perché “essere gay non identifica quanto una persona sia sensibile su determinate questioni” e non vorrei che ”i media cadessero nell'errore per cui il partito gay diventa l'interlocutore di fronte a fatti di cronaca o battaglie, perché nessun partito può rappresentare in toto il variegato mondo Lgbt+. È una riflessione che all'interno dei Sentinelli stiamo facendo in tanti”.

 

Il consenso? Si dice scettico anche sulla capacità concrete del neonato cartello elettorale di rompere le uova nel paniere nel campo del centrosinistra o della sinistra, portando via i voti ai due candidati sindaco oggi in corsa: Beppe Sala e l'architetto e ingegnere Gabriele Mariani, candidato della sinistra con Milano in Comune e i comitati ambientalisti, che a sua volta è omosessuale ma ha deciso di non farne una bandiera politica per la propria campagna elettorale.

 

“C'è un mondo fuori – dice Paladini ad Affaritaliani.it Milano – fatto di storico associazionismo, di genitori con figli omosessuali, di reti legali di avvocati, l'universo trans da anni impegnati in battaglie trasversali”. L'idea che si possa racchiudere tutto ciò in una sigla elettorale “rischia di far perdere di valore nel momento in cui si vuole prendere una posizione anche apartitica” come “noi abbiamo più volte fatto nel criticare Beppe Sala o apprezzandolo”.

Commenti
    Tags:
    partito gaypartito lgbtluca paladinisentinellimilano 2021
    Loading...










    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    “Renzi, l’odio e i paparazzi”. Le confessioni di Maria Elena Boschi
    AstraZeneca, nessuna risposta alla lettera Ue: "Contratto violato"
    Igor il russo manda 5 persone in ospedale


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.