A- A+
Milano
Passanti accoltellati in Centrale: il 23enne prende di mira le donne
Stazione Centrale Milano (LaPresse)

Passanti accoltellati in Centrale: il 23enne prende di mira le donne

Rhasi Abrahman "ha posto in essere tutte le rapine in rapida sequenza, prendendo intenzionalmente di mira solo donne e non esitando a colpirle con estrema violenza, oltre che ad usare il coltellino" e la "sua pericolosità sociale appare dunque palese". Lo scrive la Procura di Milano nella richiesta di convalida dell'arresto e di applicazione della custodia cautelare in carcere avanzata nei confronti del 23enne marocchino, arrestato dalla Polizia di Stato, per aver ferito con un coltellino sei passanti ieri pomeriggio nelle vie attorno alla stazione Centrale.

La Procura mette in evidenza anche il pericolo di fuga, oltre a quello di reiterazione del reato

La Procura mette in evidenza anche il pericolo di fuga, oltre a quello di reiterazione del reato, "in quanto si tratta di un soggetto" nemmeno "ancora compiutamente identificato, apparentemente senza fissa dimora e che quindi potrebbe sottrarsi con estrema facilità alle ricerche dell'autorità". Il 23enne si trova in carcere a San Vittore e sarà interrogato, probabilmente domani, dal gip per la convalida dell'arresto e la decisione sulla misura cautelare.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
accoltellaticentraledonnepassanti






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.