A- A+
Milano
Patto per il rilancio del governo metropolitano tra Assolombarda e i sindacati
Città metropolitana di Milano: Palazzo Isimbardi

Patto per il rilancio del governo metropolitano tra Assolombarda e i sindacati territoriali

(IMPRESE-LAVORO.COM) Milano – Un patto per rilanciare il governo metropolitano attraverso la definizione di ambiti di intervento e allo sviluppo di iniziative volte a realizzare una vera riforma delle città metropolitane. È con questo obiettivo che oggi, presso Palazzo Gio Ponti in via Pantano 9, è stato siglato un accordo tra Alessandro Spada, Presidente di Assolombarda, Massimo Bonini, Segretario Generale CGIL Milano, Mario Principe, Segretario Generale CGIL Ticino Olona, Carlo Gerla, Segretario Generale CISL Milano Metropolitana e Salvatore Monteduro, Segretario Confederale UIL Milano. Con questo patto Assolombarda e i sindacati pongono all’attenzione del dibattito politico e delle Istituzioni il tema del governo, delle funzioni e delle risorse delle città metropolitane, con particolare riferimento a quella milanese. E si impegnano a un costante confronto con le altre organizzazioni territoriali sociali ed economiche, con le forze politiche e istituzionali per promuovere i temi affermati nell’accordo e a sviluppare assieme tutte le iniziative necessarie per una vera riforma delle città metropolitane.

“Per rispondere alla sfida della competitività, è fondamentale dotare la città metropolitana di Milano di strumenti e risorse adeguati a governare un territorio già molto interconnesso sul piano delle reti, della mobilità, dei servizi, anche in vista della messa a terra del PNRR - ha dichiarato Alessandro Spada, Presidente di Assolombarda -. Purtroppo, invece, persistono da troppo tempo forti criticità: l’Ente oggi costituisce un progetto incompiuto e, peraltro, vive uno stato finanziario allarmante. Abbiamo quindi voluto promuovere questo patto con i sindacati con l’obiettivo di portare il tema all’attenzione delle forze politiche e delle Istituzioni per definire una nuova funzione di governo delle città metropolitane, oggi autentica ‘cenerentola’ nell’assetto istituzionale del Paese”.

“Nel Paese è aperto un dibattito sulle riforme istituzionali, sono state presentate proposte di legge per ridefinire il ruolo e funzioni delle provincie. Noi riteniamo indispensabile porre al centro di questo dibattito la funzione ed il ruolo delle città metropolitane, in particolare, per quanto riguarda l’area Milanese, a partire dalla necessaria funzione di coordinamento dei servizi a rete, della sostenibilità e disponibilità di bilancio e di organico adeguato alle nuove funzioni di competenza, oltre alla specificità del territorio. Un nuovo assetto istituzionale delle città metropolitane - con rinnovate e più specifiche funzioni amministrative, in grado di mettere in rete i servizi primari e coordinare i diversi operatori locali, progettare la mobilità a medio raggio tra i vari comuni - ha bisogno di una legittimazione democratica che permetta a tutti i cittadini dell’area di riconoscersi nella istituzione città metropolitana” - hanno commentato CGIL Milano e Ticino Olona, CISL Milano e UIL Milano.

In particolare, Assolombarda e i sindacati ritengono indispensabile porre al centro del dibattito alcune questioni legate al governo metropolitano.   Con la sigla del Patto, si trovano d’accordo sul fatto che sia indispensabile assegnare alle città metropolitane la funzione di coordinamento dei servizi a rete. Come, ad esempio, la rete dell’acqua e il ciclo dei rifiuti, sia nel riciclo per un’economia circolare, sia per una valorizzazione energetica. Così come le reti della mobilità pubblica e privata, di merci e persone, da pensare in un’ottica metropolitana sempre più interconnessa, che non può limitarsi ai confini del comune capoluogo e deve tendere a un impatto ambientale zero. Ma anche le reti telematiche, che devono essere una opportunità di crescita e integrazione per tutti i territori dell’area metropolitana, e la tutela dell’ambiente, che va affrontata con una visione e scelte di area vasta. E, infine, come la rete dei servizi per il lavoro e la formazione, che deve offrire alle lavoratrici e ai lavoratori adeguate opportunità di riqualificazione.

Per Assolombarda e i sindacati, inoltre, serve maggiore coordinamento fra tutte le istituzioni che operano nel territorio della città metropolitana, come fra i comuni, e serve maggiore coordinamento anche nelle scelte delle istituzioni regionali o statali che incidono sull’area metropolitana. Fare rete vuol dire coordinare le scelte dei singoli enti o istituzioni, in funzione della intera area, sommare le energie e risorse. Un’altra questione riguarda il problema della sostenibilità del bilancio della città metropolitana e di un organico di personale adeguato alle nuove funzioni. Non potrà mai essere esercitata una funzione di governo delle reti, una capacità di coordinamento degli enti o una programmazione di respiro strategico senza un bilancio e una struttura organizzativa adeguati. Infine, Assolombarda, CGIL di Milano e del Ticino-Olona, CISL Milano Metropolitana e UIL Milano convergono nella necessità di un nuovo assetto istituzionale delle città metropolitane, in quanto non può esserci funzione di governo senza una legittimazione democratica che permette ai cittadini di riconoscersi nell’istituzione città metropolitana. Ciò è ancora più importante in una fase nella quale i dati di partecipazione alle elezioni segnano una preoccupante disaffezione dei cittadini verso le istituzioni.

Il commento del vicesindaco metropolitano Francesco Vassallo

“Il Patto per il rilancio del governo metropolitano firmato oggi da Assolombarda, CGIL, CISL E UIL è una ventata di aria fresca oltre che una presa di coscienza del grande tema del riordino istituzionale degli enti di area vasta. Il documento è l’ennesima dimostrazione di come le rappresentanze del mondo del lavoro e dell’imprenditoria milanese siano sensibili ai temi sollevati e forniscono un loro prezioso contributo al fine di potenziare le funzioni della competitività e dello sviluppo del territorio. L'area metropolitana milanese è il più dinamico polo attrattivo italiano. Qui convergono e si concentrano competenze, saperi, servizi avanzati, attività economiche e imprenditoriali. Si tratta di un gigantesco laboratorio a cielo aperto (i cui confini vanno ben oltre i perimetri amministrativi esistenti) in cui si elaborano risposte alle sfide globali che caratterizzano l’epoca di cambiamento che stiamo vivendo. La competizione internazionale ci impone di essere all’avanguardia in termini di innovazione e capacità di connettere rapidamente ed efficacemente persone, idee e risorse. Una stretta interconnessione che moltiplica le opportunità di crescita e sviluppo. La Città metropolitana è nata per governare la complessità, e fornire risposte in termini di area vasta, ma la mancata riforma dell’ordinamento delle autonomie locali, al momento, non permette al nostro territorio di dispiegare a pieno le proprie potenzialità. Serve un’azione urgente da parte del legislatore per consentire all’area metropolitana milanese di essere in grado di confrontarsi alla pari con le altri grandi metropoli europee e mondiali. Da qui passa il cambiamento, da qui passa la ripartenza del nostro Paese”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
assolombardacittà metropolitanagoverno metropolitanomilanosindacati

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.