A- A+
Milano
Pd, nasce Leonardo, circolo di "ricerca e innovazione" per Milano
Palazzo delle Stelline

Martedì sera al Palazzo delle Stelline è stato presentato su iniziativa di Marilisa D’Amico e Giuseppe Rotondo un nuovo circolo d’ambiente del partito metropolitano di Milano. E’ un circolo che si rivolge al mondo delle università e della ricerca dell’area metropolitana che costituisce un sistema di eccellenza nell’insegnamento superiore, nella ricerca, nella produzione di idee innovative e nella cura della persona: un sistema tutto concentrato in una stessa area urbana che non ha pari in Italia e in Europa. In esso si concentrano saperi, competenze, innovazione e formazione della classe dirigente. La sfida è portare un pezzo significativo di questo mondo nel Partito democratico milanese attraverso uno strumento, il circolo d’ambiente, ad esso dedicato.

Essendo un circolo dedicato a coloro che studiano e lavorano nel mondo dell’Università, della ricerca e dell’innovazione, come nome del circolo è stato scelto quello, evocativo, di “Leonardo” in omaggio al grande genio simbolo di contaminazione culturale.

L’iniziativa di martedì sera, che aveva l’obiettivo di presentare il circolo alla città, ha visto la partecipazione tra gli altri di Giulio Vigevani, Mario Boffi, Chiara Tonelli, Alessandro Litta Modignani, Bianca Beccalli, Massimo Clara, Benedetta Liberali, Franco Scarpelli ed è stata dedicata al tema “Milano città della conoscenza” e ha visto l’intervento  di alcuni autorevoli esponenti di categorie professionali a vario titolo coinvolti e protagonisti dell’attività di ricerca.

"Il circolo, insieme a coloro che vorranno farne parte - spiegano i promotori - vuole costituire un nuovo polo di discussione e di proposte da rivolgere al partito e, più in generale, alla società civile milanese, mettendo al centro del dibattito pubblico e politico temi fondamentali quali il posto della Scienza nella società contemporanea, il ruolo del Sapere, la vera dimensione dei Diritti e quella dei Doveri in una società sempre meno coesa e sempre più multiculturale. In vista delle elezioni comunali di Milano del 2016 questa iniziativa vuole essere un contributo fondamentale affinché l’esperienza di governo della città di Milano da parte del centrosinistra possa essere rinnovata per continuare la buona amministrazione, portata avanti fin ora, con nuovo slancio e il contributo in idee e proposte che viene dal mondo della ricerca e dell’innovazione, rappresentato nel circolo Leonardo".

Hanno apprezzato l’iniziativa anche Pierluigi Mantini, Francesca Zajczyk e PierCarla Delpiano che nel ricordare il percorso che la Fondazione Stelline ha dedicato alla Città metropolitana e sintetizzato nell’Alfabeto medesimo, ha evidenziato l’esigenza di lavorare affinché la Milano universitaria già nei fatti considerata un’eccellenza diventi anche nella percezione di tutti “Milano della conoscenza”, "poiché la trasmissione del sapere è la grande occasione che  rende ricerca e innovazione veri e propri semi di sviluppo".

Tags:
leonardopdpalazzo stelline







A2A
A2A
i blog di affari
Caso MPS, ragionevoli le condizioni poste da Unicredit per l’acquisizione
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Vaccini, a settembre in arrivo la terza dose: strumento della nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.