A- A+
Milano
Piano pandemico: Ranieri Guerra indagato a Bergamo

Piano pandemico: Ranieri Guerra indagato a Bergamo

Il direttore aggiunto dell'Oms Ranieri Guerra e' indagato nell'inchiesta di Bergamo con l'accusa di false informazioni. A quanto si e' appreso, Ranieri Guerra e' indagato in relazione all'articolo 371 bis del codice penale per 'false informazioni al pm'. Il riferimento e' a quanto ha dichiarato nella sua deposizione davanti ai pm come persona informata sui fatti. "Sul punto c'e' stretto riserbo", si limita a dire all'AGI il procuratore Antonio Chiappani. 

Arriva dunque una svolta nell'inchiesta della Procura di Bergamo. L'accusa per Guerra e' di 'false informazioni ai pm' in relazione alla sua deposizione come persona informata sui fatti nel novembre scorso quando venne ascoltato per cinque ore. Nei giorni scorsi i magistrati guidati da Antonio Chiappani avevano inviato una rogatoria a Ginevra destinata proprio ai rappresentanti dell'organizzazione mondiale della sanita' a cui si chiedono delucidazioni, tra le altre cose, su come venissero accolte, quando Guerra era responsabile della Prevenzione nel Ministero della Salute tra il 2014 e il 2017, le autovalutazioni italiane di eccellenza nella capacita' di prevenire un'eventuale pandemia. Risposte ai questionari inviate annualmente dall'Oms agli Stati membri per saggiarne la preparazione.

Un altro aspetto dell'inchiesta che lo coinvolge e' il mancato aggiornamento del piano pandemico, fermo al 2006. L'ex funzionario dell'Oms Francesco Zambon, che si e' dimesso pochi giorni dalla sede di Venezia, ha denunciato di avere subito delle pressioni attraverso delle mail agli atti dell'inchiesta da Guerra, nelle vesti di direttore aggiunto, per postdatare il Piano facendolo cosi' sembrare aggiornato al 2016 nell'ambito di un rapporto pubblicato per sole 24 ore sul sito dell'Oms, e poi scomparso, sulle falle del sistema italiano.

Guerra stupito: spero che Oms chiarisca 

"Mi auguro che l'OMS possa rispondere con tutti i dettagli, le spiegazioni e i chiarimenti necessari, dato che la mia posizione e' cristallina nonostante le insinuazioni di alcuni", dichiara all'AGI Ranieri Guerra dopo avere appreso di essere indagato per false informazioni ai pm dalla Procura di Bergamo

Il legale dei familiari delle vittime Covid: su Guerra bene la decisione della Procura

"Siamo molto contenti, e' la conferma che i pm stanno indagando in modo approfondito e il coronamento al lavoro che stiamo facendo in questi mesi". Cosi' l'avvocato Consuelo Locati, capo del team dei legali dei familiari delle vittime, commenta la notizia che Ranieri Guerra e' indagato per 'false informazioni ai pm'. Locati ipotizza che Guerra possa essere stato indagato in relazione "al questionario sulle autovalutazioni dell'Italia non mandato alla Ue o anche sul mancato aggiornamento del piano pandemico".

Commenti
    Tags:
    ranieri guerrabergamocovid bergamopiano pandemico
    Loading...










    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Tajani e la famiglia senza figli? Sapesse la storia della signora Gisella...
    L'opinione di Gabriele Di Marzo
    I Care, il motto italiano del nuovo rinascimento europeo
    Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
    Lega partito rivoluzionario? No, l’ennesimo difensore dell’ordine dominante
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.