A- A+
Milano
Pillitteri e il riformismo socialista. ”Colucci e Sacconi sul palco con me”

Stefano Pillitteri si candida in consiglio comunale con Milano Popolare. Già assessore con la Moratti, figlio dell’ex sindaco Paolo. “Tradizione riformista - spiega ad Affaritaliani.it - Ogni volta dobbiamo lottare per farci spazio. E avverrà così anche questa volta”. A partire dal convegno di domenica sulla social-democrazia… INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Domenica 8 maggio, Teatro Litta, corso Magenta 24, ore 10.30. Giusto?
Giusto.

Raduno di vecchie glorie?
No, direi che è meglio dire raduno di riformisti. Stefano Pillitteri, Francesco Colucci, Maurizio Sacconi e l’ex sindaco di Milano Paolo Pillitteri, che solo incidentalmente è mio padre (sorride, ndr).

Diciamo una stirpe riformista.
Battute a parte, Paolo Pillitteri è uno degli esempio del riformismo meneghino. Un riformismo socialista che io ho praticato nella mia vita, perché le esperienze non si trasmettono per via dinastica. Io appartengo a una storia per ragioni familiari ma anche per una mia militanza e credo personale.

Quindi è riformista perché ci crede. Ma c’è spazio per i riformisti nel centrodestra?
Poco. I riformisti hanno sempre dovuto combattere per crearsi lo spazio. I riformisti sono sempre stati strutturalmente minoritari. Però proprio a Milano il riformismo ha avuto sempre un ruolo molto avanzato in termini di elaborazione e contenuti. Il riformismo socialista è l’unico pensiero che è sopravvissuto delle ideologie del novecento. E’ soprattutto un metodo, perché è votato al pragmatismo ma anche a una attenzione ai principi di solidarietà e di sostegno. Si tratta di un filone che è arrivato vivo fino a noi, del quale si sente il bisogno.

Perché con Parisi? Sala non è riformista?
Parisi lo è di certo. Il problema è che il riformismo è diventato vittima di una banalizzazione totale. Riformismo non vuol dire volere le riforme, le riforme le vogliono tutti. Il riformismo socialista è un’altra cosa. Parisi ce l’ha nel sangue il vero riformismo. In Beppe Sala non sono mai riuscito a riconoscere un’origine o una radice in questo senso.

@FabioAMassa
fabio.massa@affaritaliani.it

Tags:
pillitteririformismosocialistacoluccisacconi







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.