A- A+
Milano
Pinocchio/Cioè, oh. Che bordello se io ero Pisapia...

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C’era una volta il Paese dei cioè. Ecco una simulazione di eloquio bimbo-minchia sul modello del “pirla” (come lo ha definito il padre) di Lacchiarella che ha difeso i black bloc che avevano appena devastato Milano, salvo poi tornarsene nella sua villetta bella bella con pincher e erba rasata corta. “No, cioè, perché io volevo dire a Pisapia che il devasto è tutto. Quando uno si trova in mezzo, se almeno almeno non si candida alle elezioni e spacca tutto, è proprio un coglione. Cioè poi se io, per dire, mi trovavo a fare il sindaco, mi mettevo a capo della rivolta popolare contro Palazzo Marino. Se diventavo Pisapia picchiavo la Rozza e Majorino in piazza, altro che libro scritto dalla moglie oh. Andavo sotto casa loro e gli spaccavo la macchina, gliela bruciavo, a quelli del Pd. Mica sono un coglione io. Alla fine quel Bussolati si è inventato la manifestazione Nessuno tocchi Milano ma è un coglione, perché tanto se ero Pisapia io ci mettevo il cappello e li fottevo tutti. Cioè, bisogna sentirsi parte di qualcosa di più grande. Cioè, è così oh. Facciamo bordello. Se ero Pisapia me ne andavo tutto il giorno e tutta la notte in giro per la città con la bicicletta del BikeSharing, oh, altro che Maran. E poi promettevo di regolarizzare il Leoncavallo ma quando non ci si riusciva me ne sbattevo oh. Queste sono le cose per le quali combatto, per le quali bisogna bruciare le macchine. Che poi io non ho fatto nulla, mi trovavo là per caso. Un po’ come Pisapia oh.

Tags:
pinocchiogiuliano pisapiatia sangermano






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.