A- A+
Milano
Pinocchio/I sacrifici? Sempre e solo ai giovani...

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C’era una volta l’Italia, un Paese non per poveri, ma per ricchi. Sono consapevole che con questa rubrica, questa volta, probabilmente mi attirerò le critiche di molti pensionati, ma davvero non ce la faccio a stare zitto. Ci ho tentato, a tacere, intendiamoci. Ma poi mi chiedo: possibile mai che in questo Paese chi viene difeso è sempre l’anziano, e che tra tutti gli anziani, vengono sempre difesi i ricchi? La vicenda è quella della Corte Costituzionale, che ha detto che è scorretto aver bloccato la rivalutazione (tradotto: gli aumenti automatici) delle pensioni che ammontano a tre volte il minimo. Spieghiamo: chi prende di pensione almeno 1500 euro al mese non avrà la rivalutazione, chi ne prenderà 2000 idem e così a crescere. Non è che vengono levati soldi, semplicemente non vengono aggiunti automaticamente. Questo perché in un momento di crisi, visto che il mondo del lavoro annaspa e i giovani si accontentano di 800 euro al mese precari, quando va bene, forse è opportuno chiedere uno sforzo anche a chi, in meritato riposo dopo anni di lavoro, ha comunque una ottima pensione con la quale vivere. Invece no. In questo Paese ai pensionati che prendono 2000 euro al mese, o magari 3000 non solo non bisogna levare nessun aumento, non bisogna chiedere nessuno sforzo, ma addirittura bisogna dare indietro i soldi. Si parla di circa 10 miliardi di euro, quanto costerebbe un minimo reddito di cittadinanza per quelli che non lavorano, o quanto costerebbe, magari, alzare di un poco le pensioni minime. Perché il problema è chi prende 500 euro al mese, non chi ne prende 2000 e ne vorrebbe prendere, l’anno prossimo, 2020.

Tags:
pinocchiopensionilavorocrisi







A2A
A2A
i blog di affari
Caso MPS, ragionevoli le condizioni poste da Unicredit per l’acquisizione
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Vaccini, a settembre in arrivo la terza dose: strumento della nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.