A- A+
Milano
Pinocchio/Italiani razzisti o... con poco cervello?

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C’era una volta l’Italia, Paese dal cuore grande e dal cervello piccolo. Se c’è una cosa che mi fa davvero arrabbiare è chi sostiene che l’Italia sia un Paese razzista. Perché qualcuno ce l’ha con i rom, qualcuno ce l’ha con gli extracomunitari, qualcuno ce l’ha con quelli dell’est Europa. Ma questo non è un Paese razzista. Ed è ora che ce lo diciamo con forza, sottolineando che la verità è che abbiamo il cuore grande così. Al massimo, abbiamo poco cervello, ma questo è un altro tema. La dimostrazione ci arriva dalla Svizzera. Dalla civilissima Svizzera. Quella che viene presa a modello perché ha le strade pulite, le tasse basse, la corruzione nulla e sono anche tutti alti, biondi e molti con gli occhi azzurri. Ironia a parte, oggi sui giornali si legge dei frontalieri costretti a fare lunghe code a Como e a Varese perché la Lega dei Ticinesi ha preteso che i lavoratori italiani che vivono in Italia e lavorano in Svizzera, i frontalieri, appunto, devono dimostrare non solo la propria identità (ed è il minimo) ma anche di avere la fedina penale pulita. Insomma, se non siete brava gente, oltre che italiani, non vi vogliamo. Eppure, salvo le ovvie e giuste proteste italiche, nessuno si sogna di tacciare gli svizzeri di razzismo. Perché? Perché una volta “accettati” sul suolo dei vicini gli italiani vengono trattati bene, pagati in tempo, alla maniera svizzera. Invece in Italia nessuno controlla praticamente nulla, non sappiamo neppure il nome di chi arriva, figurarsi la fedina penale. Dopo che sono arrivati li trattiamo da schifo. E’ proprio vero, accogliamo tutti e abbiamo un cuore grande. E’ il cervello che ci difetta.

Tags:
pinocchiorazzismoimmigrazionesvizzerafrontalieri







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.