A- A+
Milano
Pinocchio/Milano e Pisapia: c'eravamo tanto amati

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C’era una volta un Paese davvero strano. Non è la prima volta che definiamo così l’Italia e Milano, ma purtroppo non ci si finisce mai di stupire. In questo caso il Paese strano è quello dei giornali e dei giornalisti, ai quali apparteniamo. Quindi, lo diciamo anche con una certa ironia e autoironia. E veniamo al punto. Ma come è possibile che se uno stadio con 35mila persone fischia Giuliano Pisapia finisce in un trafiletto e se invece quattro esponenti di centrosinistra un po’ fuori dalla realtà chiedono a Pisapia di ricandidarsi finisce tra i titoloni? Ecco, l’interrogativo viene da se. La notizia, ed è una notizia non da poco, è che Pisapia ha finito con la luna di miele con i milanesi. E’ durata tantissimo. Empatico come pochi, simpatico e gentile, Pisapia ha vinto per questo. A un anno dalla fine del suo mandato, lui che è abituato a entrare nelle bocciofile e tutti si mettono ad applaudire, anche quelli che votavano il Berlusca, si prende una salva di fischi infinita. Non è un buon segno per il centrosinistra, che a questo punto dovrà fare opera di sganciamento, e anche in fretta. Il rischio è quello di partire a razzo e finire… vabbè avete capito. Intanto, a proposito di gente che viene e che va, Andrea Guerra, il manager ex Luxottica che avrebbe potuto fare il sindaco di Milano per il Pd, amatissimo da Renzi, secondo rumors di Affaritaliani.it avrebbe scelto di fare l’ad di Eataly, la creatura di Farinetti. Forse che ha subodorato qualcosa? Oppure i 100mila euro di stipendio da numero uno di Palazzo Marino sono pochi?

Tags:
giuliano pisapiaandrea guerra







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.