A- A+
Milano
Pinocchio/Pisapia e Bruti Liberati, finire di un'era o di una tregua?
Pinocchio

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C’era una volta un Paese nel quale ci si poteva aspettare, sempre, necessariamente, il peggio. Malgrado le belle giornate, devo ammettere, non sono molto ottimista sullo stato di salute della nostra bella Milano. Sarà un’impressione, ma la sensazione è che quello che potrebbe essere un inizio di percorso di sviluppo, la ripresa di una città, si potrebbe tramutare pericolosamente in una tregua in una guerra infinita. Insomma, una parentesi. Mettiamo insieme alcuni dati. Il primo è politico: con l’abdicazione di Giuliano Pisapia viene a chiudersi necessariamente, in quello stesso istante, un progetto politico. Mi sono sempre chiesto come fa ad illudersi qualcuno che il progetto Pisapia possa andare avanti senza Pisapia. Forse sarà per questo che con un realismo ultracinico, ma che comunque apprezzo, Franco D’Alfonso disse che Pisapia aveva di fronte due scelte: essere Draghi (nel senso di Mario) o Schettino. Perché la sua decisione, non condivisa e non prevista, almeno in quei tempi, ha condotto necessariamente la nave vicino agli scogli. Difficile potergli levare questa responsabilità. Il punto, adesso, è che cosa fare. Il secondo elemento che mi fa riflettere è la sfida in Procura. Dipende molto, da chi guiderà il Palazzo di Giustizia dopo Bruti Liberati, anche la politica. Davvero c’è stata una pace legata all’Expo? E adesso che cosa succederà? La speranza è che non si torni indietro di colpo, agli anni bui di Tangentopoli (termine coniato dal giornalista Colaprico) e a quelle atmosfere da manager calibro 9, il libro che lo stesso Colaprico scrisse con Luca Fazzo ai tempi in cui erano una coppia formidabile di cronisti e raccontarono la malavita vista da dentro nella Milano in cui, anni dopo, qualcuno avrebbe ancora osato dire che “la mafia non c’è”. Anche se, ammettiamolo, sarebbe di grande conforto sentirselo dire ancora. Sentirsi dire, finalmente, che l’aria à definitivamente cambiata e che non si tratta di una parentesi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giuliano pisapiaedmondo bruti liberati






A2A
A2A
i blog di affari
Italia nazione più colpita in Europa dal traffico di identità digitale
Con Enrico Letta c’è il futuro verde del PD e dell’Italia
Mauro Buschini*
Riforma Fiscale 2021: cosa cambia davvero per le imprese?
Gianluca Massini Rosati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.