A- A+
Milano
Pinocchio/ Rota, l'eredita di Atm e una uscita senza stile
Pinocchio

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C'era una volta un Paese che aveva stile, e onore. Entrambi, almeno per la mia modesta opinione, non sono orpelli retorici. Ma sono vere e proprie parti essenziali dell'agire. Adesso, parliamo di Atm, l'azienda nella quale si è alla vigilia di un cambio epocale. Bruno Rota, il presidente e direttore generale, se ne va. Se ne va da presidente perché ormai è arrivato al limite dei mandati, e se ne va da direttore generale dopo il pasticcio sulla vicenda M5, che non sto qui a spiegare. Comunque, storia finita in Atm. L'eredità di Rota, a livello di conti, è una buona eredità. Conti in ordine e tutto il resto. E va bene così. Quello che non va bene è che Rota ha ingaggiato una battaglia con il suo azionista, che poi è il Comune di Milano, che poi siamo tutti noi, per rimanere al suo posto fino all'ultimo giorno. In questo c'è un problema di stile. Se il tuo azionista ti leva la fiducia e ti chiede formalmente di andare via, l'onore dovrebbe suggerirti di spostarti, pur protestando ma sempre dentro i limiti dell'urbano. Invece no, Rota sbraita, urla, si incavola, accusa un assessore della giunta Sala, accusa il sindaco stesso, di fatto non vanifica i conti perché i numeri sono immutabili, ma vanifica l'immagine di uomo corretto oltre che retto. Costruisce la narrazione dell'uomo solo al comando contro i soci cattivi che vogliono la corruzione eterna. Peccato che quello che Rota non ha capito oggi, e viene il dubbio non abbia capito negli ultimi anni, è che non è un uomo solo al comando. Ma un dipendente della collettività. E se i rappresentanti eletti dalla collettività decidono che non è più utile, il modo migliore è farsi dignitosamente da parte.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bruno rotabruno rota atm






A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
Cgil comica, difende il lavoro ma accetta l'infame tessera verde
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.