A- A+
Milano
Pnrr, la Corte dei Conti boccia i Comuni lombardi

Pnrr, la Corte dei Conti boccia i Comuni lombardi

Non si salva nessuno. La pagella della Corte dei Conti su come i Comuni lombardi stanno gestendo i fondi del Pnrr è severa. Numeri che non tornano, figure di controllo che mancano, informazioni poco trasparenti. Nei giorni scorsi, i magistrati contabili hanno emesso le delibere che analizzano la gestione del 'tesoro' messo a disposizione degli enti locali. E praticamente per tutti e' arrivata la strigliata di fine anno.

Rimproveri per mancanza di “specifica struttura di controllo”

I rimproveri per i Comuni nelle delibere 'fotocopia' lette dall'AGI sono sempre gli stessi: non hanno costituito una "specifica struttura di controllo né indicato un Dirigente per il coordinamento e il controllo dei programmi, progetti e interventi del Pnrr", "le informazioni sull'espletamento delle gare sugli affidamenti acquisite in corso di istruttoria, su altre banche dati e quelle reperibili sul sito del Comune non sono soddisfacenti", "sono emerse significative discrasie tra i dati sull'amministrazione dei progetti comunicati alla Corte dei Conti dal Comune e quelli tratti dalla piattaforma Regis", sulla quale, per disposizione del Mef, va comunicato passo dopo passo l'andamento della distribuzione dei soldi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
comunicorte dei contilombardipnrr






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.