A- A+
Milano
Polemica su Paolo Conte alla Scala Maranghi: “Un live antipatico e elitario"
Paolo Conte

Polemica su Paolo Conte alla Scala: Maranghi: “Un live antipatico e elitario"

Il concerto di Paolo Conte "è uno schiaffo alla storia della Scala". Lo scrive in una lettera aperta a Il Foglio Piero Maranghi, editore del canale Classica HD su Sky nonchè regista di opere liriche, a proposito del concerto del cantautore piemontese in programma il prossimo 19 febbraio nello storico teatro lirico di "Il Teatro alla Scala è la mia casa, un luogo dove, nella mia vita, ho fatto tutto, davvero tutto. Ma il 19 febbraio non verrò a sentirLa", scrive Maranghi nel suo intervento spiegando di rivolgersi direttamente al cantante "e non alla dirigenza del Teatro per una ragione molto semplice, loro non hanno gli strumenti per comprendere, Lei certamente sì".

Il regista: “Oggi la Scala si è trasformato in un supermarket che fa cucina internazionale"

Sempre secondo Maranghi il concerto di Paolo Conte alla Scala "costituisce un precedente assai pericoloso; non dà nulla al Teatro da cui invece riceve moltissimo; è culturalmente un concerto ‘antipatico ed elitario’". Nel sottolineare le tante incursioni nel teatro di artisti non propriamente del panorama della lirica (da Milva a Keith Jarrett) e criticare l'utilizzo per eventi tra sport e showbusiness come il Fifa Award di qualche anno fa, Maranghi ha poi ricordato che "Durante Expo 2015 il direttore generale della Scala, Maria di Freda, si è battuta come un leone per impedire che Andrea Bocelli si esibisse nella sala del Piermarini e questa coerenza è probabilmente all’origine, anni dopo, della sua brutale defenestrazione dal Teatro". "Oggi la Scala si è trasformato in un supermarket che fa cucina internazionale, si vedono e si ascoltano spettacoli identici a quelli di Amsterdam, Bordeaux, Dresda e non è più il teatro dei milanesi, come lo chiamava Stendhal", ha scritto Maranghi. Quindi ancora rivolto a Paolo Conte: "La Scala ha bisogno di Paolo Conte o di Mina o Dylan per essere quello che è (ormai sarebbe il caso di dire che era)? NO! Le offro una soluzione bellissima, ne tenga conto, io Le voglio molto bene: lasci stare la sala del Piermarini e chieda Piazza della Scala al Comune, per primavera". "Solo Lei può fermare questa banda di inconsapevoli dissipatori della tradizione meneghina e del Suo simbolo più luminoso, La Scala", ha concluso.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
milanopaolo contepolemicascalateatro






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.