A- A+
Milano
Pratiche anticoncorrenziali, Fiamme Gialle nella sede di Gucci a Milano

Pratiche anticoncorrenziali, Fiamme Gialle nella sede di Gucci a Milano

Fiamme Gialle nella sede di Gucci a Milano. L'ispezione da parte dei militari del nucleo speciale antitrust è avvenuta martedì 18 aprile ed è stata richiesta dall'Autorità antitrust europea nell'ambito di una collaborazione  in un’operazione internazionale che riguarderebbe un’inchiesta su eventuali violazioni delle norme sulle pratiche commerciali in alcune aziende del settore della moda.

La nota di Gucci: "Collaboriamo con la Commissione"

L'ipotesi è la creazione di una sorta di "cartello": Gucci fa infatti parte del colosso francese Kering, che controlla anche altri noti marchi quali Yves Saint Laurent, Balenciaga, Pomellato, Bottega Veneta.

Con una breve dichiarazione Gucci afferma di stare collaborando con la Commissione. Nella sede milanese ci si occupa della produzione di valigie, cinture e pelletteria. Se giudicati colpevoli, le aziende in base alle norme Ue rischierebbero multe per somme sino al 10 per cento del proprio fatturato globale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cartelloguardia finanzagucciindaginimilano







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.