A- A+
Milano
Prefettura, Inter: festa rinviata. Sì a 3000 tifosi fuori dallo stadio
Lapresse

Prefettura, Inter: festa rinviata. Sì a 3000 tifosi fuori dallo stadio

In previsione della prossima partita in casa dell’Inter, si sono tenuti diversi incontri per approntare una strategia condivisa con il Sindaco di Milano, i vertici delle forze dell’ordine e la società F.C. Internazionale. Con lo stesso intento, la Questura di Milano ha curato  i rapporti con la tifoseria organizzata. Il giorno 8 maggio non ci sarà una “festa dello scudetto”, che invece sarà promossa dalla società F.C. Internazionale, quando le condizioni sanitarie e le norme lo consentiranno. La tifoseria organizzata della squadra ha tuttavia preavvisato, per quel giorno, una manifestazione di sostegno ai giocatori in prossimità dello stadio Meazza.

In sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, è stata individuata un’ampia area di circa 15.000 mq, dove potranno accedere massimo 3000 persone attraverso filtri delle forze dell’ordine, anche al fine di procedere ad una diffusa identificazione dei presenti.

La tifoseria organizzata si è impegnata ad osservare le disposizioni indicate dal Questore e quelle previste dalle norme anticovid. Eventuali violazioni saranno rigorosamente sanzionate. 

Nelle aree attigue alla zona San Siro vigerà anche il divieto di vendita e somministrazione di alcolici in vetro e lattine, fatta eccezione per gli esercizi di ristorazione. Analogo provvedimento sarà vigente in zona Duomo presidiata dalle forze dell’ordine in funzione di prevenzione antiassembramento.

L’impegno su queste aree si aggiunge a quello già attuato lo scorso fine settimana – che resta invariato - nelle zone della movida, Darsena, Colonne di San Lorenzo / Corso di Porta Ticinese, Corso Como / Garibaldi, Corso Sempione / Arco della Pace, Brera. Non è prevista alcuna “zona rossa”.

 

Commenti
    Tags:
    scudetto interfesta scudetto inter







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN
    Green pass obbligatorio, infame pratica ideologica e non scientifica
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.