A- A+
Milano
Primario arrestato: favorì una multinazionale per far assumere il figlio

Primario del Milanese arrestato: favorì una multinazionale per far assumere il figlio

E' stato messo agli arresti domiciliari l'ex primario dell'ospedale di Magenta, Giuliano Sarro, gia' al centro di un'indagine del giugno scorso per corruzione e turbata liberta' nella scelta del contraente: secondo quanto ricostruito dai pm e dai finanzieri del Nucleo polizia economico finanziaria di Milano, aveva favorito la multinazionale sanitaria "Applied Medical Distribution" in cambio dell'assunzione del figlio. I finanzieri hanno eseguito in mattinata un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal gip Livio Antonello Cristofano, proprio nei confronti del dirigente medico, e direttore della Chirurgia Generale dell'ospedale magentino. A coordinare le indagini sono stati l'Aggiunto Maurizio Romanelli e il pm Giovanni Polizzi.

In base a quanto ricostruito, una gara indetta dall'Asst Ovest milanese per la fornitura in comodato d'uso gratuito di "sistemi bipolari", cioe' apparecchi biomedicali, e dei relativi materiali di consumo, era stata 'truccato' dall'intervento del primario a vantaggio della multinazionale con sede nei Paesi Bassi, e a svantaggio dei concorrenti. - Le indagini hanno permesso di ricostruire anche che Sarro aveva presentato la societa' ai responsabili di altre strutture sanitarie, in modo che i presidi medici venissero pubblicizzati e distribuiti proprio dal figlio. In un'altra occasione, emersa nell'inchiesta, Sarro avrebbe 'passato' un paziente alla figlia che lo avrebbe visitato a pagamento all'interno dell'ospedale: per questo e' anche indagato per abuso d'ufficio. Quanto alla "Applied Medical Distribution" e alla responsabilita' amministrativa degli enti, la societa' estera e' indagata per corruzione, a causa della mancata adozione di modelli di organizzazione e gestione, idonei a prevenire la commissione dei fatti illeciti (legge 231 sulla responsabilita' degli enti). Uno dei suoi manager, indagato, sarebbe stato a conoscenza del sistema e lo avrebbe favorito. Il gip Cristofano si e' riservato inoltre di decidere sull'applicazione della misura interdittiva del divieto di contrattare con la Pa proprio nei confronti della ditta sanitaria. Sono in corso perquisizioni nelle province di Milano, Pavia e Treviso.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    magentaospedale magentacorruzionegiuliano sarro






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Ddl Zan affossato, la proposta liberticida coerente con il pensiero unico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
    di Maurizio De Caro
    Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
    CasaebottegaJalisse


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.