A- A+
Milano
Procura di Milano, il Tar conferma la nomina di Marcello Viola
Marcello Viola nuovo capo procuratore MIlano

Procura di Milano, il Tar conferma la nomina di Marcello Viola

Il Tar del Lazio ha confermato la nomina di Marcello Viola come procuratore della Repubblica di Milano, decisa il 7 aprile 2022 dal Csm e impugnata da altri due candidati, Giuseppe Amato, procuratore di Bologna, e Maurizio Romanelli, aggiunto a Milano. L'ex procuratore generale di Firenze, siciliano della provincia di Agrigento, era stato preferito dal plenum agli altri due aspiranti con tredici voti, contro i 6 di Romanelli e i 3 di Amato.

Perchè è stata respinta l'impugnazione della nomina di Viola

Il ricorso oggi respinto dal tribunale amministrativo regionale del Lazio si basava su questioni legate alla valutazione dei requisiti di cui Viola era in possesso: i giudici romani, accogliendo le tesi degli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, hanno pero' ritenuto che sia stata pienamente legittima la prevalenza sugli altri due. Con riferimento all'impugnazione di Romanelli, il Tar ha evidenziato come il Csm avesse correttamente riconosciuto la maggiore rilevanza delle funzioni direttive svolte da Viola, essendo queste "piu' ampie e complesse delle funzioni semidirettive ed essendo la figura del procuratore aggiunto comunque sottoordinata a quella del procuratore della Repubblica presso il Tribunale"

L'esperienza di Viola tra Palermo, Trapani e Firenze

L'attuale procuratore di Milano, sempre secondo la sentenza del Tar, aveva pure maturato "esperienze direttive" superiori, dato che, dopo essere stato pm a Palermo, era stato nominato procuratore di Trapani ("territorio fortemente infiltrato dalla presenza di organizzazioni mafiose") e Pg a Firenze, ufficio "di primaria importanza nel panorama nazionale". Amato, capo della Dda di Bologna, aveva fatto leva proprio sul fatto che lui stesso avesse ricoperto un "incarico direttivo presso una Procura distrettuale" e sulla lunga durata dello svolgimento di tali funzioni.

La lotta per la Procura di Roma e Viola indirizzato verso Milano

Ai fini della nomina rileva invece, si legge nella sentenza, solo "il concreto esercizio delle funzioni giurisdizionali nel settore dei reati di criminalita' organizzata", che anche Viola puo' vantare, cosi' come un'esperienza ultradecennale. Nel 2019 Marcello Viola era stato in pole position per la nomina come capo della Procura di Roma: complici i veleni del caso Palamara, pero' (e nonostante fosse sempre risultato estraneo a qualsiasi questione, giuridica o soltanto morale che fosse), la sua nomina era stata accantonata e a quel punto lui stesso era stato protagonista, stavolta nella veste di "ricorrente", di un'impugnazione sull'affidamento dell'incarico a Michele Prestipino; con due separati ricorsi, lui e Francesco Lo Voi, all'epoca procuratore capo di Palermo, erano riusciti a ottenere l'annullamento della decisione del Csm. Palazzo dei Marescialli successivamente aveva scelto Lo Voi, affidando pero' poi a Viola la altrettanto prestigiosa Procura di Milano. Dove pero' il magistrato siciliano si e' ritrovato costretto a difendersi dai ricorsi altrui.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
marcello violaprocura milano







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.