A- A+
Milano
Profughi, Caritas Milano critica Minniti: "Parroci come ufficiali giudiziari"
Profughi: l'hub di via Sammartini

La Caritas Ambrosiana esprime "forti preoccupazioni" per le conseguenze dell'applicazione del decreto Minniti che ha introdotto nuove disposizioni per l'accelerazione dei procedimenti in materia di protezione internazionale. Il punto controverso, afferma una nota, riguarda la procedura di notificazione nei centri di accoglienza che entrera' in vigore il 12 agosto. Il decreto convertito nella legge n.46/17 trasferisce ai responsabili delle strutture che accolgono richiedenti asilo il compito di comunicare formalmente agli ospiti gli atti assunti dalle Commissioni territoriali compresa, ad esempio, la decisione sugli esiti della loro domanda di asilo.

"Desideriamo continuare ad offrire la nostra assistenza ai richiedenti asilo, collaborando lealmente con le istituzioni - afferma in una nota Luciano Galletti, direttore di Caritas Ambrosiana - tuttavia dobbiamo segnalare che tale norma trasforma di fatto i responsabili dei centri di accoglienza, e indirettamente i parroci nel caso dell'accoglienza in parrocchia, in ufficiali giudiziari, con responsabilita' penali e civili. Si tratta di un compito improprio che non possiamo sostenere e che modificherebbe la natura del nostro intervento pregiudicando il rapporto di fiducia instaurato con gli stessi ospiti. Ribadiamo, come gia' chiesto con una lettera al ministro dell'Interno Marco Minniti da Caritas Italiana, la necessita' che venga adottato un intervento correttivo o esplicativo della norma, affinche' siano i Comuni, le Prefetture o comunque gli enti istituzionali o affidatari della gestione dei servizi dei richiedenti la protezione internazionale ad assicurare la notificazione dei provvedimenti attraverso personale della pubblica amministrazione. Confidiamo che il ministro comprenda le nostre preoccupazioni e dia una risposta soddisfacente alla nostra richiesta prima dell'entrata in vigore della disposizione. In caso contrario ci vedremmo costretti a rimodulare il nostro piano di ospitalita' diffusa cosi' come e' stato concepito, non rinnovando le convenzioni con le Prefetture che riguardano in particolare le strutture parrocchiali e riservandoci di valutare in che termini coinvolgere per il futuro le parrocchie".

La Caritas Ambrosiana, si precisa, offre ospitalita' a 2200 richiedenti asilo nel territorio della Diocesi di Milano.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
profughi milanodecreto minniticaritas milano profughi






A2A
A2A
i blog di affari
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
L'opinione di Tiziana Rocca


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.