A- A+
Milano
Qualità della vita: Milano è prima. Roma è al 18esimo posto

Qualità della vita: Milano è prima nella classifica del Sole 24 Ore. Roma è solo 18esima

E' ancora Milano la città dove la qualità della vita è migliore. Lo conferma l'indagine del Sole 24ore che le conferisce il podio per il secondo anno consecutivo. Roma, la Capitale, si trova ad una bella distanza, ovvero, al 18esimo posto della classifica ma è comunque salita di tre posizioni rispetto allo scorso anno.    Dopo Milano, salgono sul podio anche le province autonome di Bolzano e Trento. In coda Caltanissetta e il Sud dove crescono le grandi città come Napoli (+13) e Bari (+10). Quattordicesimo posto per Bologna, quindicesimo per Firenze. Qualità della vita 2019, graduatoria del Sole 24 Ore giunta alla trentesima edizione e pubblicata oggi sul quotidiano e sul sito, è una versione extra large della tradizionale indagine del quotidiano sul benessere nei territori, su base provinciale: rispetto all’anno scorso, infatti, il numero di indicatori è aumentato da 42 a 90, divisi in sei macro aree tematiche che indagano altrettante componenti dello star bene. Le classifiche di tappa sono: “Ricchezza e consumi”, “Affari e lavoro”, “Ambiente e servizi”, “Demografia e società”, “Giustizia e sicurezza”, “Cultura e tempo libero”.

Milano vanta più record: oltre alla prima posizione nella classifica generale, ottiene anche il primato nella categoria “Affari e lavoro”, il secondo posto nella classifica di tappa “Ricchezza e consumi” e il terzo in “Cultura e tempo libero”.    È negativa, invece, la performance in “Giustizia e sicurezza”: il capoluogo lombardo, con la sua provincia, si piazza in ultima posizione soprattutto per numero di reati denunciati e litigiosità. Un dato che potrebbe essere letto anche come segno che a Milano, a differenza di altre realtà geografiche, i cittadini denunciano di più i reati. Subito dietro il capoluogo lombardo, nella classifica generale 2019, si confermano le province dell’arco alpino: sul podio ci sono anche Bolzano e Trento, rispettivamente al secondo e al terzo posto, seguite da Aosta. A spingerle sono i record “di tappa”, ovvero le macro aree tematiche di cui è composta la classifica generale: Aosta è prima in “Ricchezza e consumi”, Trento vince in “Ambiente e servizi” e Bolzano in “Demografia e società”. Per gli altri record di tappa, Oristano è prima in “Giustizia e sicurezza” e Rimini in “Cultura e Tempo libero”.Nella top ten delle province più vivibili, dove si incontrano anche Trieste (5a) e Treviso (8a), quest’anno entra la provincia di Monza e Brianza, che sale di 17 posizioni fino alla sesta, Verona che ne guadagna sette e arriva al settimo posto e, a chiudere la top ten, Venezia e Parma che salgono rispettivamente di 25 e 19 piazzamenti.

La coda della classifica è occupata dalle province del Sud: Caltanissetta occupa l’ultimo posto per la quarta volta nella storia dell’indice dopo le performance negative del 1995, nel 2000 e nel 2008. Foggia (105a) e Crotone (106a) la precedono di poco.Se il caso di Milano è emblematico, questa classifica fotografa le performance positive di tutte le province delle grandi città: Roma, diciottesima, sale di tre posizioni rispetto alla classifica dello scorso anno. Napoli, pur essendo nella metà inferiore della classifica generale (81a), rispetto alla scorsa edizione della Qualità della vita ha all’attivo una salita di 13 posizioni. Sulla stessa linea le performance di Cagliari, che fa un balzo di 24 posizioni (20a), Genova sale di 11 gradini (45a), Firenze di sette (15a) e Torino è 33esima (+ 5 sul 2018). Infine, Bari mette a segno un incremento di 10 posizioni, raggiungendo il 67° posto. Bologna in calo pur restando nella parte alta della classifica al 14° posto. Su base regionale, riemerge la contrapposizione Nord-Sud, con Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia sul podio, seguite dal Veneto, presente nella top 10 con tre province, dall’Emilia Romagna - che cresce, soprattutto nella classifica di tappa “Affari e lavoro” - e dalla Lombardia. In fondo alla classifica, invece, ci sono Sicilia e Calabria, rispettivamente ultima e penultima.

Ma la città è ultima per sicurezza percepita. Sala: "Un richiamo al mio dovere"

“Questa è una classifica e come tale ha elementi negativi e positivi ed è chiaro che la domanda di sicurezza mi richiama al mio dovere”. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commentando i dati della ricerca del Sole 24 ore sulla ‘Qualità della vita’, che ha incoronato Milano nella classifica generale, ma l’ha relegata all’ultimo posto per sicurezza percepita. Il sindaco ha risposto alle domande dei cronisti, questa sera, arrivando alla presentazione dei dati, affermando che la città “è all'ultimo posto della classifica perché si denuncia ancora e si crede ancora nelle istituzioni”.     “Il lavoro che c'è da fare con Prefettura e Questura è intenso - ha affermato -, per esempio ieri il prefetto ha dichiarato che sugli appartamenti occupati abbiamo già ottenuto risultati e continueremo a lavorarci: nessuno ha la bacchetta magica ma andremo avanti”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    qualità della vita sole 24 orequalità della vita milanoqualità della vita 2019qualità della vita italiamilano qualità della vita 2019classifica qualità della vita 2019classifica qualità della vita sole 24 ore

    Regione Lombardia Video News






    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Giustizia penale, dalla Lega una proposta utile, ma la sinistra non la leggerà
    di Annamaria Bernardini De Pace
    Lockdown, meno 630mila fumatori di bionde. Aumentano l'e-cig 218mila.
    di Mariella Colonna
    Ascolti tv, La casa nel bosco di Antonella Clerici diventa un format
    Francesco Fredella


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.