A- A+
Milano
Rapitori per debiti di droga: arrestato il capo della banda (con 13 chili di eroina)

Quattro marocchini sono stati arrestati per sequestro di persona a scopo di estorsione, nell'ambito di un'operazione condotta dai carabinieri. La storia inizia quando, lo scorso marzo, un marocchino di 30 anni prende 200 grammi di eroina da alcuni suoi connazionali ma non gliela paga. Dopo poco tempo l'uomo lascia Milano e va in provincia di Bologna. Tuttavia, lo scorso 12 maggio, il marocchino torna a Milano e viene riconosciuto in strada, da due creditori. A quel punto i due, a cui si aggiunge un terzo marocchino, lo bloccano e lo conducono in una scuola abbandonata di via Strozzi, dove la vittima viene sequestrata. I rapitori prendono il cellulare della vittima e chiamano un cugino, minacciando: "Se non ci dai 10mila euro mangeremo il cuore di tuo cugino". Dopo la telefonata il cugino del sequestrato va dai carabinieri a denunciare l'accaduto. I militari del bolognese si mettono in contatto con Milano. L'analisi dei tabulati individua tre schede telefoniche (una della vittima e due dei sequestratori) in via Strozzi e una in via Montegani, a Milano. In quest'ultima via i carabinieri fermano il marocchino ritenuto l'organizzatore del piano, mentre esce da un'abitazione. Nella prima via, invece, viene effettuata un'irruzione in una struttura abbandonata frequentata da marocchini e nota per lo spaccio di droga. Qui, il 13 maggio, vengono arrestati gli altri due rapitori e dietro una porta sbarrata c'e' il marocchino rapito. Le indagini continuano, si cerca un quarto membro soprannominato 'lo zio', presente in molte conversazioni e ritenuto il capo. Finalmente il 26 giugno i carabinieri riescono a individuarlo in un appartamento a Rozzano (Milano), dove custodiva 13 chili di eroina. L'uomo viene arrestato per droga e gli e' stata notificata in carcere l'ordinanza per il sequestro di persona a fini di estorsione. Tutti gli arrestati hanno precedenti e sono irregolari.

Tags:
rapimentoeroinacarabinieri







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.