A- A+
Milano
Reddito minimo, Maroni: "Regione stanzierà 250 milioni"
Roberto Maroni

"Dal primo ottobre voglio sperimentare il reddito di autonomia per tutto il 2015 e tutto il 2016. Con il reddito di autonomia vogliamo rendere autonomi i cittadini lombardi dalla poverta', dalla situazione di disagio e dall'impossibilita' di vivere dignitosamente. E voglio aiutare chi non puo' essere aiutato in altro modo, per esempio chi non puo' essere aiutato con l'inserimento nel mondo del lavoro. Penso per esempio agli anziani, ha chi ha malattie croniche o gravi disabilita'. Ecco io voglio rendere autonomi i cittadini che sono sotto la soglia di poverta'". Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, intervenendo in diretta alla trasmissione televisiva di TeleLombardia 'Orario continuato'. "Attraverso quali misure? Non abbiamo ancora scritto nulla, abbiamo tante idee - ha detto il presidente - ma vogliamo ascoltare ogni proposta a riguardo e sollecito i cittadini ad inviarci idee e proposte. Intanto la settimana prossima approveremo in consiglio regionale una legge che stanzia 250 milioni di euro, soldi nostri, della Regione, per finanziare il reddito di autonomia e le misure che andremo a definire"

Tags:
reddito di cittadinanzaroberto maroniregione lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.