A- A+
Milano
Regionali, la tristezza dei numeri bassi. Il commento
Regionali Lombardia 2023, confronto tra i quattro candidati

Regionali, la tristezza dei numeri bassi. Il commento

La tristezza dei numeri bassi. E parliamo dell'affluenza prevista per le prossime regionali. Forse voterà uno su due. Forse. E parliamo dell'assenza di pubblicità sulle plance elettorali nelle città. Sono più gli spazi grigi che i faccioni e i simboli. E parliamo dell'assenza di dibattiti pubblici non solo tra candidati presidenti ma anche e soprattutto tra consiglieri, forze politiche.

Tutto addormentato, perché della Regione, anno dopo anno si conferma che interessa poco un po' a tutti

Tutto addormentato, perché della Regione, anno dopo anno si conferma che interessa poco un po' a tutti. E dire che la pandemia, e poi tutto il resto, avrebbero dovuto insegnare che invece la Regione è importante, e che la gran parte della politica passa da là, ancora di più che dai comuni. Invece no: la gente continua a pensare che il sindaco del proprio comunello, o grande comune, a seconda delle dimensioni, possa avere sulla sua vita un impatto più grande di chi governa la sanità e i trasporti. Non è così.

Ma niente, la Regione non sposta, non scalda. E questo è un peccato.

C'è solo una consolazione, in tutto questo. Tra cinque anni, nel 2028, si voterà insieme per il governo (se non cade prima, ovviamente), per la città di Milano e per Regione Lombardia. Se tutto va bene, almeno fra cinque anni l'affluenza dovrebbe essere garantita. Sempre che la politica non riesca a disgustare ancora più persone tanto da rendere inappetibile anche l'election day più enorme della storia recente futura.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
commentonumeri bassiregionalitristezza







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.