A- A+
Milano
Regione Lombardia, due milioni per sostenere le nuove imprese
Guido Guidesi

Regione Lombardia, due milioni per sostenere le nuove imprese

Con la misura 'Nuova Impresa', proposta dall'assessorato allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia, 2.100.300 euro a disposizione per le nuove attività lombarde. Un'opportunità disponibile da domani, giovedì 27 aprile, con la riapertura della nuova edizione del bando. Risorse raddoppiate rispetto alla dotazione iniziale grazie alla decisione dell'assessore Guido Guidesi, considerata l'alta adesione delle prime edizioni 2021 e 2022.

Fontana: "Fondamentale sostenere il lavoro autonomo"

"Per noi è un segnale molto importante, anche dal punto di vista culturale. Regione Lombardia ritiene infatti fondamentale sostenere il lavoro autonomo sin dall'avvio, affinché possa generare in futuro occupazione e indotto. Il tutto con uno sguardo proiettato al futuro e quindi all'innovazione". Così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, commenta la 'riconferma' del bando 'Nuova Impresa'.

 Guidesi: "La Lombardia è la Casa delle idee"

"Siamo la 'Casa delle idee' e sosteniamo il lavoro autonomo; lo facciamo sia con strumenti concreti come la misura 'Nuova Impresa' sia con il racconto di tanti lombardi che hanno vinto la loro sfida contribuendo a fare grande la Lombardia": ha rimarcato l'assessore Guidesi.

 Grazie alla nuova edizione di 'Nuova Impresa' possono partecipare le MPMI iscritte al registro delle imprese dal 1° ottobre 2022 e i lavoratori autonomi con partita IVA individuale attribuita dal 1° ottobre 2022. È stata altresì incrementata la dotazione finanziaria del bando da 1.100.300 euro a complessivi 2.100.300; infine si è introdotto tra le spese ammissibili la voce 'Spese generali' da riconoscere in maniera forfettaria, prevedendo come importo minimo dei titoli di spesa la cifra di 250 euro.

Le caratteristiche dell'agevolazione di Regione Lombardia

Concessione di un contributo a fondo perduto fino al 50% della spesa ritenuta ammissibile nel limite massimo di 10.000 euro. I progetti dovranno prevedere un investimento minimo di 3.000 euro. L'agevolazione è concessa a fronte di un budget di spesa composto da spese in conto capitale e spese di parte corrente. Possono essere presentate anche domande di contributo che prevedano esclusivamente spese in conto capitale. Sono ammissibili le spese sostenute e saldate a seguito di avvio dell'impresa, anche in forma di lavoro autonomo, dalla data di attribuzione della partita IVA ed entro il 31 dicembre 2023. La domanda di contributo va presentata contestualmente alla rendicontazione delle spese sostenute.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guido guidesinuova impresaregione lombardia







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.