A- A+
Milano
Ricciardi e il lockdown di Milano: ma a nome di chi parlano gli esperti?
Walter Ricciardi

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.10 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

Dunque, oggi siamo arrivati al situazionismo più incredibile. Riassunto delle ultimissime puntate. L'altro ieri un giornalista del Messaggero, che - sia detto senza rabbia - ha inanellato una serie di notizie contro la Lombardia che manco il Quotidiano del Sud per tutta la durata della pandemia, chiama Regione Lombardia chiedendo se fosse vero che il governatore era pronto a varare il lockdown di Milano. Da Regione spiegano che non è vero. Insomma, smentiscono. Il giorno dopo in prima pagina sul Messaggero c'è la notizia che Fontana vuole il lockdown. Fontana allora smentisce, e pure il sindaco Beppe Sala dice che non è alle viste, almeno per adesso. Certo, poi entrambi sono concordi nel dire che bisogna seguire la situazione giorno dopo giorno, che bisogna capire se le misure adottate dal governo e dalla Regione funzionano. Mentre ancora non è calato il polverone, il consulente del ministro Speranza, ovvero Ricciardi, dice che bisogna fare il lockdown a Milano e a Napoli. Oibò, uno direbbe: ma Speranza non ha parlato con Fontana e Sala? Certo che sì, si ritiene. E allora perché il suo esperto più visibile, che dichiara quasi quanto Massimo Galli, dice che bisogna fare il lockdown? Allora Sala dice: ehi, a nome di chi stai parlando? Personale o a nome del ministro? Ed è in questa domanda tutto il paradosso di questa nostra incredibile epoca. Ricciardi prende e parla, ma a nome di chi lo fa? E' una opinione personale oppure una opinione ministeriale? Immagino che quando Fontana parla non lo faccia a titolo personale, ma istituzionale, e così anche Sala. E allora perché questi virologi ed esperti se ne vanno in giro a parlare a titolo personale? Faccio un esempio su Massimo Galli o su Alberto Zangrillo: quando parlano a che titolo lo fanno? Si ricordano, i due litiganti, che fanno entrambi parte del comitato tecnico scientifico di Regione Lombardia e che dunque sarebbero tenuti a parlare con le deliberazioni di quell'organo? E non sarebbe meglio che litigassero e si strappassero i capelli in quelle riunioni, uscendo però con una posizione comune da sottoporre al politico che abbia così una voce unica con cui confrontarsi? Ma come si può governare una città e una regione se ogni giorno si sveglia un professore diverso a dire una cosa diversa? Aggiungo che purtroppo in Italia tutto è politica, e come spiegavo qualche giorno fa, un po' provocatoriamente, il lockdown è di sinistra mentre il negazionismo è di destra. Pensavo fosse un paradosso, e invece siamo a questo punto ovunque, sui social, e il discrimine non è più se credi nella libera impresa o in più stato nell'economia, ma se bisogna chiudere tutto oppure no. Insomma, il lockdown come programma politico. Una fine congrua di un Paese che di politica ha bisogno più che mai e che invece va nell'avanspettacolo di medici opinionisti e di opinionisti medici.

Loading...
Commenti
    Tags:
    lockdown milanolockdown lombardiawalter ricciardi










    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Kampos è partner ufficiale di Consorzio Costa Smeralda. “Lusso e Integrità"
    Partite IVA insieme per il rinvio della rottamazione
    Robbie Williams in esclusiva mondiale su RTL102.5, ecco come seguirlo
    Francesco Fredella


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.