A- A+
Milano
Riciclaggio di oro tra Como e Svizzera: sequestro da 200mila euro

Riciclaggio di oro tra Como e Svizzera: sequestro da 200mila  euro

I Finanzieri della Compagnia di Olgiate Comasco hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo verso tre persone indagate a vario titolo per i reati di ricettazione, riciclaggio, commercio abusivo d'oro ed esercizio abusivo dell'attivita' di compro-oro. Le indagini, in ambito di monitoraggio della zona doganale, hanno consentito di svelare l'esistenza di un collaudato sistema criminale, perpetrato dai tre soggetti, funzionale all'esportazione di oro di provenienza illecita verso la Confederazione Elvetica e al relativo rimpatrio di somme di denaro in contanti derivanti dal reimpiego del metallo all'estero. Sono stati sequestrati circa 80.000 euro in contanti, 800 grammi di oro puro in lamine, numerosi monili d'oro e orologi di pregio.

Il punto di approvvigiornamento era a Milano

Individuata la figura di un operatore del settore dei compro-oro nell'area milanese, amministratore di fatto di una prestigiosa azienda orafa che si trova a Milano e ritenuta punto di approvvigionamento dell'oro di origine illecita da esportare. Dalle indagini e' emersa l'assenza di documentazione relativa alle operazioni di acquisto/vendita di oro usato, seppure in presenza di ingenti movimenti e approvvigionamenti, monitorate nel corso delle attivita' d'indagine. Sono stati trovati e sequestrati oltre 3 Kg di oro di illecita provenienza (suddiviso in lamine, lingotti e monete), 24.490 euro in contanti e 4 orologi di pregio.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
comoororiciclaggiosvizzera






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.