A- A+
Milano
Riduzione in schiavitù e sfruttamento. Clan nigeriano sgominato a Milano

MILANO: RIDUZIONE IN SCHIAVITU' E SFRUTTAMENTO PROSTITUZIONE, FAMIGLIA SGOMINATA

Questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano nei confronti di una 44enne nigeriana, a capo di un'organizzazione ''familiare'', ritenuta responsabile di riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione.

L'indagine, diretta dalla D.D.A. di Milano e condotta dai Carabinieri della Compagnia di Legnano in stretta collaborazione con la Squadra Mobile della Questura di Foggia, è scaturita dalla denuncia di due giovani nigeriane, le quali, adescate a Benin City (Nigeria), hanno raggiunto l'Italia con la promessa di gestire un negozio. Le donne hanno attraversato il deserto fino alla Libia ed il mar Mediterraneo su di un barcone, per essere poi avviate alla prostituzione. Il marito e la figlia della donna arrestata sono stati deferiti in stato di libertà per i medesimi reati. 

Tags:
schiavitùprostituzione






A2A
A2A
i blog di affari
Disseso verso il nuovo capitalismo terapeutico e dalle tendenze
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, la vita pubblica in mano ai medici
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi auspica stabilità. E lancia il patto sociale per la crescita duratura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.