A- A+
Milano
Robledo, il pg: "Trasferimento giusto, comportamenti censurabili"

Confermare il trasferimento cautelare dalla sede e dalle funzioni disposto dalla sezione disciplinare del Csm nei confronti di Alfredo Robledo, ex procuratore aggiunto di Milano, oggi giudice a Torino. E' quanto ha chiesto il sostituto pg di Cassazione Umberto Apice alle sezioni unite civili della Suprema Corte, di fronte alle quali Robledo ha impugnato l'ordinanza emessa il 10 febbraio scorso dal Csm. "La misura cautelare va mantenuta - ha detto Apice - i fatti hanno destato allarme e compromesso l'immagine della magistratura".

"Un quadro cautelare - ha aggiunto il pg - esiste e persiste, anche se alcuni tra i fatti piu' gravi, cioe' i capi di incolpazione in cui si contesta al magistrato la rivelazione di nomi che sarebbero divenuti indagati, non sono confortati da un sufficiente supporto probatorio. Restano pero' alcuni fatti che trovano invece riscontro positivo nelle intercettazioni che riguardano il magistrato, si tratta di fatti che non possono essere bollati come illazioni o ipotesi da verificare, perche' vi e' un riscontro innegabile". A carico di Robledo, ha continuato Apice, vi sono poi "comportamenti censurabili, come un'eccessiva disponibilita' informativa che ha dato luogo comunque alla rivelazione di fatti che dovevano restare segreti". Al centro del procedimento disciplinare, i rapporti tra Robledo e l'avvocato della Lega nord Domenico Aiello. "C'e' stato - ha sottolineato il pg Apice - un comportamento troppo disinvolto che ha sfiorato la parzialita' verso una parte del processo, un utente della giustizia. Non sara' un vero e proprio scambio di favori, ma ci siamo vicini". Robledo, difeso dal professor Filippo Sgubbi, chiede invece alla Cassazione l'annullamento del trasferimento cautelare: Sgubbi, in particolare, ha sottolineato in udienza "l'inutilizzabilita' delle intercettazioni che sono alla base di tutti i capi di incolpazione, perche' riguardano colloqui tra un difensore, l'avvocato Aiello, con i suoi assistiti, o con esponenti del Parlamento italiano ed europeo, intercettazioni per cui non vi era autorizzazione". La decisione delle sezioni unite civili sara' resa nota con il deposito della sentenza, che, in base al codice di procedura, dovrebbe avvenire entro un mese.

Tags:
alfredo robledoumberto apice







A2A
A2A
i blog di affari
Ascolti tv, ciclone Cavallaro al Tg4; bene Uno Mattina Estate e Siria Magri...
Di Klaus Davi
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.