A- A+
Milano
Rock City, proroga per la mostra sulla grande stagione della musica a Milano
Advertisement

Rock City, proroga per la mostra sulla grande stagione della musica a Milano

La mostra Rock City è prorogata fino a domenica 30 maggio e sarà aperta al pubblico, nel  rispetto delle norme di sicurezza, da giovedì a domenica dalle 11.30 alle 18.30.

ArteUtopia, nella Galleria di Après-coup Arte, via Privata della Braida 5 Milano, dopo il lungo stop della zona rossa, proroga la mostra che vede protagonista il Rock a Milano tra gli anni ’80 e i primi anni del nuovo millennio. Una stagione entusiasmante per la musica e la cultura.

La Milano da bere si imponeva al mondo come una delle “ piazze” più  affascinanti, dove la musica ed il teatro dialogavano con la moda e la fotografia, con un pubblico sempre numeroso e competente.

Madonna si aggirava in via Montenapoleone con Naomi, prima dello show, mentre nei locali e nei ristoranti si incrociavano Prince o Peter Gabriel, David Bowie o Sting, mentre, Miles Davis se ne stava rintanato nel suo residence prima del concerto e Rudolf Nureyev dormiva a casa di amici.

I capiservizio dei grandi quotidiani della città dovevano trovare in cronaca lo spazio per tutti e la fotografia diventava spesso lo strumento migliore per evidenziare un'emozione, descrivere l'entusiasmo o la delusione e per carpire l'attimo.

Il mondo era analogico e le fotografie erano bellissimi rettangoli di cartoncino, spesso in bianco e nero, che prendevano vita la notte, dopo lo spettacolo, nelle camere oscure di strani stregoni che tra liquidi, bacinelle e luci soffuse passavano la notte a 'scrivere' con il loro alfabeto la cronaca degli spettacoli, che il loro occhio meccanico aveva registrato in una memoria, arrotolata, di appena 36 parole.

"Massimo Barbaglia, Gigliola Di Piazza, Bruno Marzi e Angelo Radaelli  erano  gli stregoni che in quegli anni quasi ogni sera si muovevano in città alla caccia di uno sguardo, un suono, un passo di danza e un sorriso - racconta Luigi Pedrazzi, direttore di ArteUtopia- Gli scatti più belli erano quelli rubati, magari nei primi dieci minuti di show, quando il microfono non funzionava bene o le luci erano basse e poi via di corsa a immortalare un'altra storia, un altro palco. Rock City è la storia di una città e dei suoi narratori occulti, la cronaca senza fronzoli di una istantanea al buio, la suggestione di un periodo irripetibile e lontano che ci restituisce intatta l’irresistibile energia che scorreva in quegli anni nelle vene  di Milano".

La mostra, inoltre, vuole ricordare Gigliola Di Piazza, a due anni dalla sua prematura scomparsa, attraverso le sue fotografie stampate di notte. A Milano.

Commenti
    Tags:
    rock cityapres coup
    Loading...









    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    L’ignoranza circa l’ebraismo e le ragioni di Israele
    Di Ernesto Vergani
    Rula Jebreal? Ha sbagliato a non andare a ‘Propaganda Live': ecco perché
    L'opinione di Gabriele Di Marzo
    Covid, ancora non è chiaro? Non è un'emergenza, ma la nuova normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.