A- A+
Milano
Rognoni torna in pista con la Bizzi&Partners. Inside

di Fabio Massa

Grande professionista delle infrastrutture, anche se incappato in un bel guaio giudiziario, pare che Antonio Rognoni abbia trovato nuovamente lavoro. Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it in un primo tempo l’ex numero uno di Infrastrutture Lombarde, famoso prima per essere capace di completare sempre i lavori in tempo e poi per essere al centro del più grande scandalo Expo dall’inizio della vicenda delle Esposizioni, sarebbe stato incaricato in qualità di consulente tecnico per l'Italia e per il mondo (e non amministratore delegato come erroneamente riportato in precedenza, ndr) di Bizzi&Partners Development, lo studio che sta sviluppando il progetto MilanoSesto, sull’area ex Falck, “un progetto da circa €4 miliardi di recupero di un'ex area industriale di 1.400.000 mq di superficie a detinazione urbanistica mista, situato a Sesto San Giovanni a soli 6 km dal centro di Milano. Si tratta del più grande progetto commerciale in Italia e uno dei più grandi in Europa” (dal sito internet della società). Nei mesi scorsi, secondo rumors, Rognoni avrebbe anche avuto una consulenza con una società dell’ex ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi. 

@FabioAMassa

Tags:
antonio rognonibizzi&partnersex falck







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.