A- A+
Milano
Ruby: Emilio Fede vuole chiedere la grazia a Mattarella

Ruby: Emilio Fede vuole chiedere la grazia a Mattarella

Emilio Fede, condannato in via definitiva a 4 anni e 7 mesi per il caso Ruby bis, e' intenzionato a chiedere la grazia al Capo dello Stato. "E' un'idea che ha un senso e ci stiamo riflettendo" ha spiegato il suo legale, l'avvocato salvatore Pino, dopo averlo incontrato oggi. Per l'ex direttore del Tg1 e del Tg4 nei prossimi giorni iniziera' la detenzione domiciliare per scontare la prima parte della pena.

Fede, che si e' sempre proclamato innocente rispetto al reato di favoreggiamento della prostituzione per le serate a luci rosse nella villa San Martino di Silvio Berlusconi ad Arcore, vuole presentare la domanda di grazia al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Per il suo difensore, che ha incontrato oggi il giornalista, il reato per cui e' stato condannato, la vicenda piu' in generale e le condizioni dell'ex direttore, che ha quasi 88 anni, sono tutti elementi per i quali "ha un senso" la richiesta di grazia che se accolta estingue la pena. "Stiamo riflettendo e vedremo come procedere", ha aggiunto il legale. 

Commenti
    Tags:
    rubyemilio fedegraziaprocesso ruby






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Covid, il referendum contro il green pass è una pessima strada da seguire
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    PROGETTI PER LE CITTA’ E PER LA TUTELA DELLA VISTA
    Boschiero Cinzia
    Green Pass, Italia modello del golpe globale del Leviatano tecnosanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.