A- A+
Milano
Sala: “Indegne condizioni detenzione San Vittore”
(fonte Lapresse)

Sala: “Indegne condizioni detenzione San Vittore”

"La prima volta che ho visitato San Vittore è stato nel 2009, ero Direttore Generale del Comune. Poi ci sono tornato più volte. Le carceri non dipendono dal Comune, ma da Sindaco mi sento di dire che così non si può andare avanti". Lo scrive su Facebook il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che questa mattina ha partecipato alla presentazione del progetto "Off Campus", promosso dal Politecnico di Milano a San Vittore.

Sala: “San Vittore deve rimanere dove è”

"Penso - aggiunge il sindaco - che San Vittore, per una serie di ragioni, debba rimanere dove è. Ne sono convinto. È una parte del tessuto cittadino, è una parte della nostra storia. Ma le condizioni di detenzione non sono degne di Milano. Non esiste che una detenuta, magari incinta, condivida con altre tre detenute uno spazio di pochissimi metri quadrati e dovendo fare i suoi bisogni debba utilizzare un bagno alla turca. Chiederò al nuovo ministro della Giustizia di farsi carico della questione e gli offrirò tutto il supporto che posso offrire. Sono anni e anni che se ne discute e siamo arrivati al 2022. Non oso immaginare che nel 2030 chi sia detenuto in un carcere milanese debba ancora vivere in queste condizioni".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
beppe salacondizioniindegnesan vittore







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.