A- A+
Milano
San Siro, Boeri: "Mio progetto non selezionato, ora ci sia confronto pubblico"
Stefano Boeri

San Siro, Boeri: "Mio progetto escluso, ora ci sia confronto pubblico"

"Voglio essere molto chiaro: abbiamo ricevuto un avviso che dice che non siamo stati selezionati", il no e' stato motivato dal fatto che "non e' stato rispettato il masterplan, che era depositato in Comune". Lo ha detto ieri Stefano Boeri, architetto e presidente della Triennale, rispondendo ad una domanda sull'esclusione del suo progetto dai finalisti per la costruzione di un nuovo stadio a Milano, che andrebbe a sostituire San Siro. Boeri aveva partecipato con il suo studio insieme a Marco Balich, Fabio Novembre e lo studio Arup, risultando nella rosa dei quattro 'semifinalisti', ma rimanendo fuori dall'ultima valutazione, che e' stata superata solo da due progetti. L'architetto ed ex assessore di Milano ha confermato l'esclusione, ammettendo l'amarezza di aver "lavorato pancia a terra per un mese" e precisando che "a dire il vero il masterplan depositato non e' quello del Comune" ma delle squadre, ovvero Milan e Inter. Pur "non mettendo in discussione la valutazione delle squadre, che sicuramente e' stata ponderata, credo sarebbe giusto che tutti e quattro i progetti siano mostrati alla citta'. Questo mi sembra il passaggio fondamentale" ha auspicato. "Noi abbiamo cercato di modificare in meglio il masterplan, come avranno fatto tutti", ha aggiunto, facendo comunque i "migliori auguri a chi e' stato selezionato perche' possa portare avanti questo progetto bellissimo, delicato e importante per la citta'".

Sulla valutazione dei progetti per l'eventuale nuovo stadio al posto del Meazza a San Siro, come vorrebbero i due team Inter e Milano "al Comune ovviamente spetta l'ultima parola: su un terreno ed un edificio comunali, chi dovrebbe decidere o valutare i progetti, se non il Comune?". A dirlo e' l'architetto e presidente della Triennale, Stefano Boeri, interrogato sul tema oggi dai giornalisti. Ad avviso dell'ex assessore milanese "sarebbe molto bello pero' poter raccontare tutti e quattro i progetti, non solo in Consiglio Comunale, ma anche alla citta'", anche perche' "si tratta di suolo pubblico, di un edificio pubblico, e di un un pezzo di citta' fondamentale". Non dovrebbero essere dunque solo i team a decidere, sebbene si trattera' poi di uno stadio 'privato', ma anzi "sarebbe molto molto bello informare i cittadini dei quattro scenari che abbiamo costruito, naturalmente, accompagnando con i commenti delle due squadre circa i due favoriti".

Il metodo di condivisione dovrebbe assomigliare a quello adottato da Milano con "gli scali merci o altri temi con cui ha coinvolto quartieri e comitati", e diventato "ormai una prassi". Dal canto loro le societa' calcistiche "capiranno quanto sia importante, anche per il loro interesse, far si' che questo progetto sia veramente partecipato e condiviso" ha auspicato Boeri. Che ha infine precisato: "Il punto e' davvero delicato: San Siro e' nel cuore di tutti noi a cui siamo tutti legatissimi. Se si vuuole fare qualcosa di nuovo, bisogna pensare di fare qualcosa di veramente nuovo. E un passaggio importante e' coinvolgere tutte le energie culturali della citta'".

Commenti
    Tags:
    san sironuovo stadio milanonuovo san sirostadio milanostefano boeri










    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Conte con un tunnel vuol far capire che, dopo Genova, nulla è impossibile
    Di Angelo Maria Perrino
    Cortina, Regina non solo delle Dolomiti ma anche di gusto
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Infrastrutture, La Piazza scatena il dibattito.Conte? Giusto pensare in grande
    di Maurizio De Caro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.