A- A+
Milano
San Vittore e Beccaria, la politica deve arrossire e vergognarsi ogni giorno
Carcere

San Vittore e Beccaria, la politica deve arrossire e vergognarsi ogni giorno. Commento

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.15 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

C'è una emergenza a Milano, anzi due. Anzi, forse non è proprio una emergenza visto che è là da 20 anni, situazione vergognosa e imbarazzante . La politica ne parla un po', ogni tanto. C'è un'inchiesta, ogni tanto. Ogni tanto c'è un convegno. E poi torna tutto là, perché in fondo quelli se la sono meritata: sono i carcerati di San Vittore e i minori del Beccaria. Fa niente che San Vittore da decine d'anni sia qualificato come un ghetto, come un piccolo lager, come qualcosa che dovrebbe far arrossire di vergogna Milano, i milanesi, i politici locali di Milano, quelli nazionali eletti da Milano, tutti i ministri di tutti colori possibili. Fa niente che le carte del Beccaria raccontano di un altro inferno, questa volta inflitto ai più giovani, indegno di un Paese civile.

La battaglia per le carceri è una battaglia di dignità

Mentre la gente ciancia del fascismo e del rischio dell'autoritarismo ci accontentiamo di avere le galere del sudamerica, chiudiamo gli occhi su una cosa che non dovrebbe farci dormire la notte. Ma del resto questi sono i nostri tempi: le campagne, anche quelle social, hanno vasto seguito ma durano poco. E producono risultati ancora minori. E i giornali tutti non fanno più battaglie strutturate, fastidiose, persistenti per questo o quel principio sacrosanto, magari un po' più intelligente degli asterischi, delle schwa o della difesa dell'idioma italico per la quale qualche imbecille vorrebbe continuare a usare la parola "negroidi". Poli opposti della stessa idiozia. Invece la battaglia per le carceri è una battaglia di dignità. Perché in galera ci sono esseri umani. Condannati, da punire e rieducare, che devono pagare un debito. Ma che non hanno perso lo status di uomini, donne e soprattutto di ragazzi.








Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.