A- A+
Milano
Scala, torna Excelsior. In scena 150 artisti

Torna il "ballo grande" alla Scala: in scena centocinquanta artisti, con il Corpo di Ballo della Scala al completo e in apertura due guest internazionali: Alina Somova e Federico Bonelli. Nel 1881, sullo sfondo del nuovo secolo, e alla vigilia dell'Esposizione Nazionale che vide Milano protagonista culturale e produttiva in un'Italia da poco unificata, il sipario della Scala si apri' su Excelsior "azione coreografica, storica, allegorica e fantastica", con libretto e coreografia di Luigi Manzotti, musica di Romualdo Marenco e scene di Alfredo Edel, kolossal vivace e carico di ottimismo, che fu un successo straordinario in tutto il mondo. Non poteva quindi mancare ora, nella programmazione di Expo 2015 l'originale e italianissimo balletto, esaltazione delle conquiste del Progresso scientifico e tecnologico che unisce e affratella i popoli, che rivive nell'edizione firmata nel 1967 da Crivelli, Dell'Ara, Carpi, Coltellacci, alla Scala dal 1974 e l'ultima volta in scena nel gennaio 2012. A tre anni dalle precedenti rappresentazioni torna quindi trionfalmente alla Scala Excelsior, il "ballo grande" dai grandi numeri che, dall'11 al 25 luglio, e' il primo titolo di balletto a entrare nella programmazione di Expo. Centocinquanta artisti in scena, tra ballerini, comparse e allievi della Scuola; quasi duecento costumi, il Corpo di Ballo della Scala al gran completo e in apertura due guest internazionali, Alina Somova Principal al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo e Federico Bonelli Principal del Royal Ballet per celebrare il trionfo della Luce e della Civilta' sull'Oscurantismo: Excelsior non tradisce quindi la vocazione internazionale che lo ha accompagnato fin dalla sua nascita a fine Ottocento e si apre ora al pubblico eterogeneo che raggiungera' Milano durante Expo per celebrare con affetto, divertimento, spettacolarita', il recupero di un passato che non ha perso il suo fascino.

Atteso il ritorno, nelle recite dell'11, 13 e 15 luglio, di Alina Somova, Principal al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo che ha gia' brillato nel ruolo della Civilta' nel 2012. Accanto a lei, nel ruolo dello Schiavo, in una nuova e inedita partnership Federico Bonelli, Principal del Royal Ballet, finalmente sul palcoscenico della Scala dopo numerosi anni: fu ospite infatti soltanto nel gennaio 2007 all'interno del Gala des Etoiles. Con Alina Somova e Federico Bonelli, le prime recite dell'11, 13 e 15 luglio vedranno in scena negli altri ruoli principali Marta Romagna (La Luce), Mick Zeni (L'Oscurantismo), Virna Toppi (La Folgore, in debutto nel ruolo) e Antonina Chapkina (la Mora Indiana, in debutto nel ruolo). Nelle successive recite, numerosi gli artisti scaligeri che si alterneranno nei ruoli principali: nel ruolo della Luce ancora Marta Romagna, poi Virna Toppi in debutto nel ruolo cosi' come Antonina Chapkina; l'Oscurantismo sara' Massimo Garon, Marco Agostino (in debutto nel ruolo) e Christian Fagetti; la Civilta' vedra' il debutto di Nicoletta Manni, di Virna Toppi e di Vittoria Valerio. Dopo Bonelli, il ruolo dello Schiavo verra' interpretato anche da Timofej Andrijashenko in debutto nel ruolo cosi come Nicola Del Freo, da Antonino Sutera, Federico Fresi e ancora in debutto Angelo Greco. La Folgore sara', nelle repliche, Antonella Albano, Chiara Fiandra e in debutto Gaia Andreano', mentre la Mora Indiana sara' interpretata anche da Marta Romagna e Virna Toppi (in debutto nel ruolo). Con i suoi famosissimi galop, con le bandiere da tutto il mondo, in undici quadri il "ballo grande" vedra' impegnato tutto il Corpo di Ballo al gran completo: seppure ben lontano dalle masse che caratterizzarono il debutto nel 1881 (una folla di interpreti, oltre 500 comparse, cammelli, elefanti, cavalli) anche l'edizione di Crivelli, Dell'Ara, Carpi, Coltellacci, che dal 1967 ha riportato sulla scena l'estro manzottiano e il sapore antico dello spirito italiano in danza, ha numeri che non sfigurano accanto ai grandi balletti del repertorio, da Bella Addormentata o Raymonda. Centocinquanta artisti in scena - novanta ballerini, quaranta comparse e una ventina di allievi della Scuola di Ballo e trentacinque ruoli, tra primi ballerini e solisti. Niente Principi o Principesse pero': qui trionfano i simboli, come Luce, Oscurantismo, Civilta', Fama, Valore, Invenzione, Concordia, Costanza. E vengono celebrati gli eroi del Progresso come Dionisio Papin, "inventore della prima macchina a vapore", Alessandro Volta "genio dell'elettricismo", l'ingegnere italiano da Bardonecchia e francese da Modane (cosi ufficialmente indicati in locandina) artefici dell'apertura del traforo del Cenisio, che Manzotti defini' "coronamento della fratellanza tra i popoli" nelle note al libretto, che ora vengono declamate da una voce fuori campo. E ancora: al posto di Driadi, Willi o Silfidi ecco i telegrafisti a Washington, e la Folgore a testimoniare gli esiti della scoperta dell'elettricita'; uomini e donne da ogni parte del mondo che si ritrovano a danzare con la Civilta', uniti dall'apertura del Canale di Suez: Cinesi, Turchi, Spagnoli, Inglesi, Indiani?. Una serie di gloriosi avvenimenti quindi, che non poteva terminare se non con la grande Apoteosi: nella gioia dello sventolio di ottantasei bandiere da tutto il mondo si trovano riuniti la Scienza, il Progresso, la Fraternita',l'Amore, per festeggiare il presente, e soprattutto l'Avvenire.

Tags:
scalaexcelsior







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.