A- A+
Milano
Scola: "Ospitare i profughi nelle case Aler"

L'arcivescovo milanese Angelo Scola chiede un incontro con Comune e Regione, con l’obiettivo di "sciogliere il nodo" delle assegnazioni erp per destinare gli alloggi di Aler a sfrattati e profughi. "Sarebbe un segno importante per Milano, un piccolo segno rispetto al bisogno ma un segno”. Tema, quello degli alloggi in deroga,  su cui nei mesi scorsi si era incardinata una polemica fra l'assessore al Demanio Daniela Benelli e il governatore e gli assessorio di Regione Lombardia. "Vista l'emergenza abitativa molto forte in molti quartieri di Milano come consiglio episcopale diocesano prendemmo la decisione di destinare un milione di euro dell'8 per mille e con una intesa con Comune e Regione risistemare appartamenti dell'Aler di metratura contenuta per poter rispondere a questo bisogno. Dopo un anno la cosa non va avanti. Mi dicono di una difficoltà fra le istituzioni e forse può dipendere anche da motivi tecnici che  non conosco, però sarebbe importante che il nodo si sciogliesse. Noi non vogliamo tenere fermi questi soldi: i bisogni sono tanti, mi sembra giusto sia da parte nostra sia del Comune e Regione che ci si incontri per sciogliere questo nodo. Noi siamo in attesa” commenta Scola.

Ma l’arcivescovo invita poi a distribuire i profughi e i rifugiati politici "in piccoli gruppi in ogni parrocchia" della Diocesi ambrosiana, in appartamenti o strutture liberi delle parrocchie e degli istituti religiosi ."E' la scelta più intelligente  per mettere ordine a un fenomeno che ormai è  strutturale: piccoli numeri all'interno di ogni singola realtà di paese". L'idea del coinvolgimento di tutte le parrocchie ambrosiane è stata presentata dal direttore e dal vicedirettore di Caritas Ambrosiana, don Roberto Davanzo e Luciano Gualzetti, e fatta propria da Scola. "Milano è una metropoli. Senza fare odiosi confronti con altre città italiane, compresa Roma -  sostiene Scola -, sono  certamente  tanti i segni di risveglio. Non dobbiamo pesare con il bilancino quanto Expo sia causa di questo. Certamente ha dei meriti e anche i suoi limiti, ma se come cittadini milanesi non prendiamo coscienza di questa nuova responsabilità che ce ne viene, per il Paese, per l'Europa e per il mondo, questi germi di novità  bruceranno alla prima gelata". Come a dire: "Bisogna avere il coraggio di andare sui contenuti e capire che l'assunzione condivisa dei bisogni sia una strada necessaria per la fisionomia di questa cittadinanza. Noi vediamo che un'epoca è  finita, e adesso? Cosa sta arrivando non lo sappiamo. Dobbiamo costruirlo adagio adagio, passo per passo e luoghi come casa Suraya, dove Caritas ospita profughi, ci possono veramente aiutare".

Tags:
angelo scolaalerprofughiimmigrati







A2A
A2A
i blog di affari
Caso MPS, ragionevoli le condizioni poste da Unicredit per l’acquisizione
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Vaccini, a settembre in arrivo la terza dose: strumento della nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.