A- A+
Milano
Scuola di principesse nel Milanese, polemiche social. La titolare: "Un gioco"
Scuola di principesse a Rho

"Scuola di principesse" nel Milanese, sui social accuse di sessismo e patriacato

Galateo, portamento, camminata con i tacchi, bon ton, dizione, trucco e acconciatura: sono queste le discipline della "scuola di principesse" avviata a Rho, nel Milanese, da Stefania Vadalà, fondatrice della ludoteca Maison degli Eventi. Corsi rivolti a bambine dai 6 i 9 anni, come recitano gli annunci, al termine dei quali è rilasciato un attestato.

L'iniziativa è stata accolta con curiosità ma anche da perplessità e aperte proteste da parte di chi ritiene che si tratti di una proposta sbagliata, con accuse di sessismo e patriarcato.

Scuola di principesse, la titolare replica: "Siamo una ludoteca, no a stereotipi di genere"

Così ha chiarito Vadalà sui social: "Il post non intendeva proporre un corso di educazione per bambine, non voleva proporre di abbracciare stereotipi di genere e non voleva criticare altre forme di espressione dell'infanzia. Per noi bambini e bambine possono essere qualsiasi cosa, possono esprimere la loro bellezza attraverso qualunque forma, possono interpretare qualunque personaggio senza che questo etichetti il loro essere. Questa è una ludoteca. Il fatto che ci fosse una bambina nella foto di presentazione, scelta forse un po' sommaria, non esclude che l'invito fosse aperto a tutte e tutti. Oggi si gioca alle pricincipesse, domani agli indiani. Tutto qui". Il corso dovrebbe partire ad aprile, con durata trimestrale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
maison eventimilanorhoscuola principessevadalà







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.