A- A+
Milano
Scuola, TPL: allarme di Stanzione (Filt Cgil), nessuna garanzia dalla Regione
Luca Stanzione

IMPRESE-LAVORO.COM - Milano – Allarme dei sindacati dei trasporti per la ripresa delle attività scolastiche. “Ad oggi – spiega Luca Stanzione, segretario regionale della Filt Cgil - il Trasporto Pubblico Locale in Lombardia non è in grado di garantire il distanziamento quando a settembre riapriranno le scuole. Ogni giorno che passa è un giorno perso da Regione Lombardia. Da subito sarebbe necessario fare due cose: dotare le agenzie di risorse aggiuntive per utilizzare i pullman turistici ad integrazione del servizio e favorire la contrattazione coi sindacati di categoria per scaglionare le entrate degli uffici e delle scuole”, conclude il segretario della Filt Cgil. Ieri è tornato a riunirsi oggi il Tavolo TPL, convocato dalla Regione Lombardia e sono nuovamente emerse le preoccupazioni per la ripresa delle attività a settembre, in considerazione dello stato arretrato delle decisioni in merito alla mobilità delle persone e delle cose a fronte di indici di riempimento dei mezzi pubblici che sono un quinto del periodo pre lockdown. “Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti sono tornate a sollecitare con forza decisioni che vadano nella direzione dello scaglionamento degli orari di tutto quanto risponda a criteri pubblici (scuole e uffici), che deve essere oggetto di contrattazione specifica città per città, ente locale per ente locale, ufficio per ufficio. Bisogna evitare il collasso delle reti stradali, che rischiano seriamente di essere bloccate da mezzi privati. La stessa richiesta è arrivata da molti altri interlocutori, non ultime aziende di TPL, associazioni datoriali e Agenzie di Bacino, che hanno posto l’accento anche sulla necessità di immettere risorse aggiuntive nel sistema TPL lombardo. Tema anch’esso centrale, considerando che, ad esempio, se le Agenzie fossero dotate delle risorse necessarie, si potrebbe convertire il segmento dei trasporti turistici a trasporto pubblico locale, in particolar modo nelle località in cui il TPL è più frammentato. Dobbiamo purtroppo constatare come l’esito della riunione sia stato il medesimo del Tavolo precedente: vale a dire nessuna decisione concreta da parte di Regione Lombardia e il rimpallo delle responsabilità sui problemi più cogenti (scaglionamento orari e risorse economiche) sul governo centrale. Ancora una volta Regione Lombardia decide di non governare un settore così delicato come il trasporto dei passeggeri e di non favorire la contrattazione con il sindacato a finché si possano scaglionare gli orari degli uffici pubblici e delle scuole. Il tempo passa e settembre, con la riapertura delle scuole, si avvicina. Il mancato distanziamento sui mezzi, soprattutto nei tratti extraurbani, rischia di alimentare nuovi inizi di focolai sui mezzi pubblici”, conclude una nota sindacale.

 

 

Commenti
    Tags:
    scuolaallarmestanzionefilt cgilregione
    Loading...









    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Covid, ora fase 2 e si riapre: poi richiuderanno accusando 'i sudditi'
    Separazione consensuale dalla moglie: le rate del mutuo oneri deducibili?
    di Francesca Albi*
    Ing. Carmine Biello. La generazione elettrica e la transizione


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.