A- A+
Milano
Segregavano i figli in casa per andare a giocare al Bingo

Gli agenti della Squadra Mobile di Milano hanno arrestato martedì con le accuse di maltrattamenti gravi nei confronti dei figli e sequestro di persona, una coppia dell'hinterland milanese. I due, titolari di una piccola attivita' commerciale, abbandonavano sistematicamente in casa i tre figlioletti di 6, 10 e 11 anni per andare a giocare al bingo, dal quale ritornavano spesso a notte fonda o nelle prime ore della mattina. I bimbi erano sottoposti a continue intimidazioni e percosse, rivolte in particolare contro il figlio di 10 anni, che, infatti, veniva quasi sempre rinchiuso in una stanza dell'appartamento di famiglia e lasciato quasi a digiuno. Le indagini sono iniziate su sollecitazione delle maestre del piccolo, che negli ultimi mesi avevano raccolto a sprazzi le sue confessioni. Gli agenti hanno indagato a fondo fin dal febbraio scorso e, una volta accertata la situazione, intorno a mezzanotte sono andati a prendere i genitori in una sala giochi della zona. I due, 36 e 40 anni, hanno fatto finta di nulla ma una volta arrivati a casa si sono dovuti arrendere all'evidenza: i bimbi erano rinchiusi quasi come prigionieri e veniva loro impedito qualsiasi contatto con l'esterno. I piccoli sono stati affidati a una comunita'. Per i genitori sono scattate le manette.

Tags:
bingomaltrattamentisquadra mobile






A2A
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.