A- A+
Milano
Sesto, si dimette il vicesindaco. Ma Di Stefano ha i numeri. Penati: "Crisi"
Gianpaolo Caponi

di Fabio Massa

Un brivido, ma la maggioranza non cadrà. E Sesto San Giovanni non tornerà al voto. Ma la notizia politica è sicuramente forte, nell'ex Stalingrado d'Italia. Giampaolo Caponi, il leader di Sesto Nel Cuore, la formazione che aveva strappato un consenso altissimo e che di fatto aveva condannato la sinistra a perdere la città per la prima volta dal Dopoguerra, consegnandola a Roberto Di Stefano, di Forza Italia. Ecco, Giampaolo Caponi lascia la giunta. Lo fa con un post al vetriolo su Facebook: "La mia esperienza in Giunta termina qui. Rassegnerò domani mattina le mie dimissioni da Vicesindaco; ho avuto il privilegio di svolgere questo autorevole incarico conoscendo e apprezzando ancora di più Sesto San Giovanni.Abbiamo accettato una alleanza con Roberto Di Stefano sulla base di un rapporto leale e ispirato a un progetto per la città con un programma condiviso e innovativo. A quasi un anno dal voto abbiamo assistito a un impoverimento degli obiettivi e all'inasprimento delle tensioni con la città rimasta sin qui inascoltata. Nonostante questo nella ricerca di un difficile confronto con lo stesso Sindaco ho mantenuto sempre un comportamento corretto votato a cercare di condividere insieme le migliori soluzioni. Il sogno che abbiamo di costruire una città dialogante basata sulla ricerca delle soluzioni ai problemi concreti dei cittadini, e lontano dalle contrapposizioni partitiche-elettorali, è venuto meno per il prevalere di altre logiche". 

E quindi? Aria di crisi? Elezioni in vista? In effetti no. Perché pare proprio che la frattura si sia consumata all'interno di Sesto Nel Cuore, con i consiglieri che sembrano intenzionati a sostenere il sindaco Di Stefano. Ed è per questo che Caponi spiega, sempre su Facebook: "Sesto Nel Cuore non chiederà deleghe in sostituzione alle mie e a quelle rassegnate da Angela Tittaferrante nella giornata di Venerdi. Ringrazio Angela per la passione e l’impegno che ha profuso in questi mesi. Noi siamo una squadra, lo siamo oggi e lo saremo domani. Nessun assessore presente o futuro potrà arrogarsi quindi l’onore di rappresentare in giunta la lista civica Sesto Nel Cuore". Di fatto, Di Stefano non avrà grandi variazioni nella sua maggioranza in consiglio. Di più: la sua posizione non vacilla. Certamente però la vicenda politica ridà fiato al centrosinistra, che con l'ex sindaco e storico esponente sestese Filippo Penati spara a zero: "Questa giunta si reggeva su due gambe, ovvero il centrodestra e un civismo vero, sano, reale. Un civismo che aveva avuto un risultato straordinario in città, e che aveva in Caponi e Tittaferrante i due leader. I due leader hanno lasciato perché il sindaco Di Stefano ha fatto un'operazione di palazzo con consiglieri che hanno tradito il mandato dato loro dagli elettori". Roberto Di Stefano, intanto, tiene duro e sicuramente farà un comunicato nella giornata di domani. 

fabio.massa@affaritaliani.it

Tags:
sesto san giovannisindacoroberto di stefanogiuntapenati










UNA RETI
A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Il dibattito presidenziale, semplicemente un brutto show
Niram Ferretti
Pompeo ha ragione: Vaticano non rinnovi intesa con Pechino su nomina vescovi
Ernesto Vergani
Reati, la giurisprudenza come la medicina: prevenirli è meglio che sanzionarli
Di Valentina Eramo *


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.