A- A+
Milano
Sondaggio AI-TP: vuoi Pierfrancesco Majorino sindaco? VOTA
pierfrancesco majorino

di Fabio Massa

Uno contro uno, uno contro tutti. Si inizia da oggi una nuova fase del sondaggio permanente di Affaritaliani.it- Termometro Politico. Dopo aver “censito” insieme tutti i candidati emersi per le elezioni amministrative del prossimo anno a Milano, ora lanciamo una consultazione differente, iniziando da Pierfrancesco Majorino, l’assessore al Welfare che più pare convinto di voler correre la sfida delle primarie del centrosinistra. Le domande saranno quindi tre: “Sì, No, Non lo so/Non lo conosco”.

DITE LA VOSTRA SU MAJORINO CANDIDATO SINDACO A MILANO.

 

LA BIOGRAFIA DI PIERFRANCESCO MAJORINO (DAL SITO DI PALAZZO MARINO)

Pierfrancesco Majorino è nato a Milano dove vive e lavora. Ha 41 anni e un figlio di 7. Fin da ragazzo si occupa di politica all’interno dei Ds, di cui è stato segretario cittadino e responsabile del coordinamento milanese. Dal 1994 al 1998 è presidente nazionale dell’Unione degli Studenti e della Rete Studentesca. Nel 1998 è nominato consigliere delegato dal Ministro alla Solidarietà sociale, Livia Turco, con l’incarico di occuparsi di politiche giovanili. Nel 2006 è eletto in Consiglio comunale nella lista dell’Ulivo. Nel 2008 è nominato capogruppo del Partito Democratico e guida il gruppo di minoranza fino alla fine della consiliatura. Durante l’amministrazione Moratti è tra i proponenti dell’istituzione della Commissione Antimafia, del Registro delle Unioni civili per le coppie di fatto, dell’aumento delle abitazioni sociali all’interno del Piano di Governo del Territorio, dell’istituzione del Fondo anticrisi come misura contro il precariato e la povertà. Si occupa anche di tematiche legate all’immigrazione e al riconoscimento dei diritti dei cittadini stranieri. Ha collaborato con istituti di ricerca sociale a pubblicazioni riguardanti la Città di Milano. Nel maggio del 2011 è eletto per la seconda volta in Consiglio Comunale nelle liste del Partito democratico. Appassionato di scrittura ha pubblicato romanzi, testi teatrali e reportage tra cui, nell’ultimo anno “Maledetto amore mio” e “Milano come Lampedusa?” in cui affronta il tema dell’emergenza profughi. Nel giugno del 2011 il Sindaco Giuliano Pisapia lo chiama a far parte della Giunta affidandogli la delega alle Politiche sociali e Cultura della Salute. In questi ultimi quattro anni si è occupato di lotta alle povertà, contributi di sostegno al reddito, interventi per i senzatetto, potenziamento dei servizi per le persone con disabilità e per gli anziani fragili, residenzialità sociale temporanea. Si è occupato di diritti civili con l’istituzione del Registro delle Unioni civili, del Registro delle dichiarazioni anticipate di fine vita, dell’apertura della Casa dei Diritti che oggi ospita servizi e sportelli per la difesa e la tutela delle persone contro ogni discriminazione. Da circa un anno sta seguendo l’iter per la realizzazione a Milano dei nuovi luoghi di culto.

Tags:
pierfrancesco majorinoelezioni milano







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.