A- A+
Milano

Esiste un serio problema criminalità a Milano? La situazione è critica come a Roma, dove negli ultimi tempi abbiamo assistito a numerosi episodi di persone gambizzate o uccise a colpi d’arma da fuoco? A quanto dicono giornali e tv, non sembrerebbe un problema per la nostra città. Davvero? Eppure proviamo a considerare un lasso di tempo abbastanza breve, in una zona piuttosto circoscritta: dal 27 febbraio al 12 marzo di quest’anno in un triangolo della periferia e dell’hinterland milanese a ovest del centro cittadino.
 
Il primo agguato avviene il 27 febbraio 2013 a Seguro, frazione di Settimo Milanese a due passi dal quartiere Baggio. Un uomo di 41 anni viene ferito alle gambe da un colpo di pistola mentre sta entrando nell’abitazione del fratello, agli arresti domiciliari. L’8 marzo, nove giorni dopo, un ragazzo di 23 anni e un uomo di 33 anni vengono feriti, sempre alle gambe, in una carrozzeria del medesimo paesino. L’uomo più vecchio è parente di quello aggredito a fine febbraio. La cronaca locale milanese ci racconta di tre o quattro uomini che, a volto scoperto, entrano nell’officina e sparano ai due senza tanti complimenti.
 
Basta così? No. Stranamente, qualcuno continua a giocare a “Mezzogiorno di fuoco”. Il 10 marzo, neanche 48 ore dopo questi ultimi due ferimenti, una persona riceve” accidentalmente” un colpo di pistola in faccia mentre passeggia, alle undici di sera, lungo via Fleming, piccola ma molto nota via di zona San Siro. Racconterà di aver visto due uomini litigare dall’altra parte della strada, di aver sentito uno scoppio e di essere stato raggiunto da un proiettile, dopo di che uno sconosciuto si sarebbe avvicinato e avrebbe pronunciato qualche parola di scusa. Incredibile ma vero, proprio come se gli avesse calpestato un piede uscendo dal vagone della metropolitana.
 
Quattro feriti d’arma da fuoco basterebbero se Milano fosse una città capace di accontentarsi. Così non è ed ecco allora che due giorni dopo, il 12 marzo , altre due persone ricevono lo stesso trattamento a base di piombo. Questa volta siamo in via delle Forze Armate, zona Baggio. Pochissimi chilometri separano Settimo Milanese, via Fleming e via delle Forze Armate. A essere ferite sono due persone che si trovano all’interno di un’agenzia immobiliare, incensurati e detentori di altre attività imprenditoriali di piccole dimensioni. Due uomini fanno irruzione nell’agenzia e in seguito a una colluttazione vengono sparati alcuni colpi. Il più giovane, 46 anni, viene colpito a una gamba, all’altro, 62 anni, va peggio e riporta una seria ferita all’addome. Un amico dei due che si trova all’esterno cerca di fermare gli aggressori e viene stordito da un forte colpo alla testa. All’interno di una cassetta di sicurezza dell’agenzia ci sono 500 euro. Non vengono degnati di uno sguardo.
 
Nell’arco di quindici giorni si può quindi stilare un bollettino degno delle città più pericolose: sei persone ferite da colpi d’arma da fuoco. Tutte pressappoco nella stessa zona. Nessuno a quanto pare conosceva i suoi aggressori. Fossimo in un’altra città d’Italia, magari meridionale, si parlerebbe di omertà. Ma non a Milano: queste cose, qui, non succedono.
 
Federico Turchetti per www.arcipelagomilano.org
 

 

Tags:
milano sparatoria






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.