A- A+
Milano
Stalking, giudici: persecutori pericolosi come mafiosi. E' la prima volta

Stalking, giudici: persecutori pericolosi come mafiosi

 In un Paese "dove un quarto degli omicidi volontari riguarda casi di femminicidio", uno stalker puo' essere trattato alla stregua di un mafioso ed essere sottoposto a misure di sorveglianza speciali anche senza condanna, tra cui quella di "mantenersi ad almeno 1000 metri di distanza" dalla donna perseguitata. E' questo il senso di una innovativa decisione firmata dal Tribunale di Sorveglianza di Milano (presidente Fabio Roia) che accoglie la richiesta della Questura di applicare per la prima volta a uno stalker una norma del codice antimafia cosi' come riformato nel 2017.

Una modifica che ha allargato l'applicazione del codice antimafia anche, tra gli altri, al reato di 'atti persecutori', aggiungendosi a quelli 'tradizionali' contro lo Stato, l'ordinamento della Repubblica, l'ordine pubblico e la pubblica sicurezza. La vicenda e' quella di un 24 enne filippino, ai domiciliari (dopo un periodo in carcere) dal febbraio scorso per violenza sessuale, accusa per la quale si trova a processo. Ma la misura del Tribunale di Sorveglianza non riguarda il reato di violenza sessuale bensi' quello di 'atti persecutori' del quale, scrive la Questura, il giovane filippino "si e' reso responsabile ai danni della ex compagna sia durante la loro convivenza sia dopo la rottura del loro rapporto, mostrando nelle diverse occasioni un'indole violenta e prevaricatrice nei confronti della donna".

"Pur non essendo ancora stato condannato per i fatti contestati - e' il ragionamento degli inquirenti condiviso dai giudici - i gravi indizi di colpevolezza risultano ben consolidati". Tanto che ne attestano la sua "pericolosita' sociale" da cui deriva la possibilita' di applicare le misure di sorveglianza speciale, tra cui mantenersi ad almeno un km di distanza dalla ex compagna, non avere con lei contatti telefonici, telematici o altro, non allontanarsi dalla propria dimora "senza preavviso", "darsi alla ricerca di un lavoro, vivere onestamente, rispettare le leggi, non associarsi a persone che hanno subito condanne o sono sottoposte a misure di sicurezza e/o prevenzione". 

Commenti
    Tags:
    stalkinggiudicipersecutori pericolosimafiosi









    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
    Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
    Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.