A- A+
Milano
Stampella Cinque Stelle a Milano. Due a sinistra, uno a destra
Gianluca Corrado

Stampella Cinque Stelle a Milano. Due a sinistra, uno a destra 

C'è da votare per riconoscere debiti fuori bilancio a causa di contenziosi e risarcimenti legali? Astenuti. Cambiare il regolamento per l'occupazione di spazi e aree pubbliche? Astenuti. O ancora: approvare il piano per l'offerta abitativa pubblica per il 2020? Votare statuti e atti della Fondazione Milano-Cortina 2026 per i Giochi Olimpici invernali? Nemmeno a dirlo: astenuti.

A volte si invertono i fattori ma il risultato non cambia. I cinque stelle sono “presenti in aula”, come da gergo del consiglio comunale, ma non partecipano alla votazione. Per il regolamento di Palazzo Marino la traduzione di questo atteggiamento è solo una: astenuti. Ma conteggiati ai fini del numero legale per validare le votazioni. Sono decine le materie su cui il consiglio comunale di Milano è chiamato ad esprimersi ogni settimana. E l'archivio deliberazioni del Comune, dove vengono raccolti e pubblicati integralmente i documenti di Giunta, Consiglio e Municipi, non lascia troppo spazio a interpretazioni. Da diversi mesi, anche qualcosa in più, se i Cinque Stelle devono scegliere fra “sì” e “no” allora, molto spesso, rispondono “ni”.

Non si tratta certo della poca voglia di lavorare. Perché tanto Patrizia Bedori – classe '63, diplomata in Comunicazione Visiva – quanto il fu candidato sindaco del Movimento nel 2016, Gianluca Corrado, possono vantare percentuali ammirevoli di presenza alle sedute del “parlamentino” milanese: il 90,8 per cento lei; il 92,8 per cento lui. Lo stesso dicasi per Simone Sollazzo: l'ex portavoce del Gruppo a Palazzo Marino fino ad aprile 2020, quando in rotta di collisione con il Movimento (“le scelte sono elaborate da ignoti e calate dall'alto” ha scritto in una lettera co-firmata da altri compagni di partito) ha lasciato per entrare nel gruppo misto, ha collezionato ben il 98,7 per cento delle presenze in aula. Per lui in molti a Milano ora scommettono su una candidatura con il centro destra alle amministrative del 2021. Per gli altri due (ex) amici e compagni di avventura invece? Di certo fra astensioni e presenze in aula senza votare non stanno facendo sudare le sette camicie alla maggioranza di centro sinistra in Consiglio per portare a casa le delibere. E con un Movimento Cinque Stelle che a Milano non ha mai sfondato, con i sondaggi che li danno lontani dai fasti delle politiche 2018 ma anche dal risultato dimezzato delle ultime Europee, e la base dura e pura che non riesce più a digerire tutto in nome del “governismo”, qualcuno potrebbe voler strizzare l'occhio al Pd e al centro sinistra. Sperando che, nel segreto dell'urna, non si astengano anche gli elettori.


Francesco Floris / Fabio Massa
frafloris89@gmail.com  fabio.massa@affaritaliani.it

Commenti
    Tags:
    cinque stellemilanomovimento
    Loading...









    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Malgioglio mette in guardia Achille Lauro, "Quell'abito..."
    Francesco Fredella
    Sanremo, Festival della deriva sentimentale e non artistica
    Di Ernesto Vergani
    E’ giusto giudicare un capo di governo solo dai risultati?
    Daniele Salvaggio, Imprese di Talento


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.